sabato 25 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
21.05.2022 Periscopio 21/05/2022
A cura di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 21 maggio 2022
Pagina: 10
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Periscopio 21/05/2022»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 21/05/2022, "Periscopio" a cura di Diego Gabutti.

Mario Draghi | www.governo.it
Mario Draghi

Italia: Il costo dell’invasione russa in termini di vite umane è terribile. Le ricostruzioni con immagini satellitari hanno individuato 9.000 corpi in quattro fosse comuni nei dintorni della città di Mariupol. La scorsa settimana sono state ritrovate fosse comuni a Kiev dopo quelle scoperte in altri luoghi liberati dall’occupazione russa, ad esempio Bucha e Borodyanka. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: [Che c’è?] Ho solo posto delle domande sui morti ritrovati per strada quando i russi se n’erano già andati e su Bucha era passata una squadra speciale della polizia guidata da un nazista a caccia di collaborazionisti e sabotatori. Toni Capuozzo, libero.it.

Italia: La guerra in Ucraina è giunta al suo 85esimo giorno. La speranza da parte dell’esercito russo di conquistare vaste aree del Paese in tempi brevi si è scontrata con la convinta resistenza da parte del popolo ucraino. La Federazione Russa si è ritirata da ampie porzioni del territorio ucraino, per concentrare le sue forze nell’area orientale del Paese. Anche qui, l’avanzata russa procede molto più lentamente del previsto. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: I russi, senza dubbio, hanno incontrato difficoltà sul campo, ma allo stesso tempo hanno raggiunto vari obiettivi. Francesco Borgonovo, La Verità.

Italia: L’Italia ha offerto il suo sostegno al governo ucraino per indagare su possibili crimini di guerra. […] Al 3 maggio, il numero di sfollati interni è arrivato a 7,7 milioni di persone. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: Quante vittime è costato l’eroismo da salotto con le vite degli altri? Maurizio Belpietro, La Verità.

Italia: Secondo l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, circa 6 milioni di persone – soprattutto donne e minori – hanno lasciato l’Ucraina dall’inizio delle ostilità. Sono quasi 14 milioni i residenti in Ucraina che hanno dovuto lasciare le proprie case – quasi un cittadino su tre. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: Presidente Draghi, chieda a Mosca di ritirare la sua candidatura a Expo 2030 e di sostenere quella di Odessa, sarebbe un bellissimo gesto distensivo e avrebbe una risposta positiva. (Risate). Matteo Salvini, 19 maggio 2022.

Italia: Se oggi possiamo parlare di un tentativo di dialogo è grazie al fatto che l’Ucraina è riuscita a difendersi in questi mesi di guerra. L’Italia continuerà a sostenere il Governo ucraino nei suoi sforzi per respingere l’invasione russa. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: Basta armi. La Russia cessi il fuoco e l’Ucraina diventi paese neutrale, stato aperto alla fratellanza universale, ponte di un’Europa unita da Oriente a Occidente, mai nella Nato, autonomia ai territori a maggioranza russa. Luigi De Magistris, un tweet.

Italia: La guerra in Ucraina minaccia la sicurezza alimentare di milioni di persone. La riduzione delle forniture di cereali e il conseguente aumento dei prezzi rischia di avere effetti disastrosi in particolare per alcuni Paesi dell’Africa e del Medio Oriente, dove cresce il pericolo di crisi umanitarie, politiche, sociali. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Italietta: L’Ucraina potrebbe diventare un viatico per chi scappa dall’Africa. Susanna Ceccardi, europarlamentare leghista.

Italia: La guerra ha avuto effetti significativi sul mercato energetico. A causa delle difficoltà tecniche legate al conflitto, è stato interrotto il flusso di gas russo verso l’Europa attraverso il gasdotto Sokhranivka, da cui passa circa un terzo del totale. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Italietta: Arriverà una recessione pazzesca che colpirà l’Europa. Giuseppe Conte, Adnkrons.

Italia: L’Italia si muoverà a livello bilaterale e insieme ai partner europei e agli alleati per cercare ogni possibile opportunità di mediazione. Ma dovrà essere l’Ucraina, e nessun altro, a decidere che pace accettare. Anche perché una pace che non fosse accettabile da parte dell’Ucraina non sarebbe neanche sostenibile. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: Nel 2014 in Ucraina è avvenuto un colpo di stato condotto da gruppi neonazisti. Soros ha finanziato agenzia di cacciatori di teste per selezionare classe dirigente del futuro. In Ucraina ci sono state gigantesche esercitazioni militari, per la Russia sono state una provocazione. Giorgio Bianchi, documentarista.

Italia: Il crescere della minaccia russa ha spinto la Svezia e la Finlandia a fare domanda per aderire alla Nato. L’Italia sppoggia con convinzione questa richiesta, come ho avuto modo di dire ieri alla Premier finlandese Sanna Marin durante il nostro incontro bilaterale. È necessario affiancare alla Nato una vera e propria difesa comune europea, complementare all’Alleanza Atlantica. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Bieloitalia: Ogni volta che sento che un Paese vuole entrare nella Nato, soprattutto se vicino ai confini con la Russia, io piango. Alessandro Orsini, libero.it

Italia: Il Comando Supremo Alleato ha rafforzato il livello di risposta lungo il fianco orientale – uno sforzo a cui l’Italia contribuisce con 2.500 unità. Nel medio periodo, siamo pronti a rafforzare ulteriormente il nostro contributo in Ungheria e Bulgaria, rispettivamente con 250 e 750 unità. Valutiamo infine la possibilità di sostenere la Romania nelle attività di sminamento marittimo del Mar Nero e la Slovacchia nella difesa antiaerea. Mario Draghi, informativa al Parlamento.

Ci sono tanti modi di governare. Il migliore e il più duraturo è con laconicità. Si parli il meno possibile, si faccia – se necessario – l’impossibile, e si tiri diritto, infischiandosi di chi cerca di mettere i bastoni, e mica i bastoni soltanto, fra le ruote. Roberto Gervaso.

Immagine correlata
Diego Gabutti

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT