martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
31.03.2022 Conte, il Papa, Salvini e gli altri 'No-Antiputin'
Commento di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 31 marzo 2022
Pagina: 2
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Ci sono gli estremisti senza più cause estreme da abbracciare»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 31/03/2022, a pag.2 con il titolo "Ci sono gli estremisti senza più cause estreme da abbracciare", il commento di Diego Gabutti.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Guerra Russia Ucraina, il pacifismo non può limitarsi a marce e appelli -  Il Fatto Quotidiano

Erano i «migliori», gli «antropologicamente superiori», come ha scritto Luca Ricolfi su Repubblica, e adesso si ritrovano a braccetto con i clown populisti, che sono di gran lunga i peggiori mai capitati sulla scena politica non soltanto italiana. Al pari delle loro alleanze, un tempo celebrate come nazional-popolari e oggi scivolate nell’orrido, vacillano anche i fondamenti della loro identità. Gli eredi della Ditta comunista e della sinistra Dc – che a memoria d’uomo sono stati sempre per la pace contro la guerra, a meno che non si trattasse di creare «dieci, cento, mille Vietnam» a scuorno dell’imperialismo amerikano o non ci fosse al governo del paese un pacifista dalla personalità multipla tipo Massimo D’Alema – lasciano il testimone del politically correct a un Giuseppe Conte sbraitante nei video promozionali e si ritrovano a votare l’invio di armi alla resistenza ucraina insieme ai Fratelli d’Italia. Questi non sono messi meglio. Ex di destra e post di sinistra sono reduci da una lunga infatuazione per i peggiori tiranni e criminali politici del Novecento.

Hanno difeso sempre e soltanto cause sbagliate: il socialismo del Gulag e delle code per il pane, il nazionalismo alla King Kong, l’antisemitismo propriamente detto e variamente mascherato. E guardateli adesso, miracolosamente dalla parte giusta: a destra (o a sinistra, non è più così facile orientarsi) di due tra i più acclamati pacifisti e No-Antiputin del pianeta: Matteo Salvini, che mai più guiderà una ruspa contro un campo rom né si metterà mai più in posa per i fotografi con un mitra in mano, e Papa Francesco I, che nel 1982, da buon gesuita latino-americano, tifava per il colpo di mano dei generali argentini alle Falkland, ma oggi non vuol più saperne di violenza peronista e rispolvera l’hocus pocus del Terzo Segreto di Fatima: attenti alla fine del mondo.

Estremisti senza più cause estreme da abbracciare, gli ex e post italiani, già devoti degli autocrati, non soltanto «fiancheggiano» (come si leggeva un tempo nei loro giornali) Joe Biden, Boris Johnson e Mario Draghi, niente meno che «un banchiere», ma addirittura si fiancheggiano tra loro. Sono peggio che alleati: sono la stessa cosa, non i migliori ma (largheggiando) il meno peggio, e per di più antropologicamente imbarazzanti. Farà magari un po’ ridere, come quando Giuseppe Conte, da attore fuori parte se mai ce n’è stato uno, strilla che non vuole, «d’accordo col papa», che s’aumentino le spese militari, ma intanto qualcosa è cambiato. Oggi c’è una maggioranza atlantica nel parlamento italiano: PD e Fratelli d’Italia. Votassimo domani, per giusta nemesi governerebbero insieme.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT