lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
24.03.2022 Deportazioni dall'Ucraina
Commento di Diego Gabutti

Testata: Italia Oggi
Data: 24 marzo 2022
Pagina: 2
Autore: Diego Gabutti
Titolo: «Già iniziate le deportazioni con una destinazione ignota»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 24/03/2022, a pag.2 con il titolo "Già iniziate le deportazioni con una destinazione ignota", il commento di Diego Gabutti.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Guerra Russia Ucraina, il pacifismo non può limitarsi a marce e appelli -  Il Fatto Quotidiano

Ammettiamo, senza concederlo, che «olocausto», per gli scenari apocalittici (e persino metafisici) che evoca, sia l'espressione sbagliata e che il presidente ucraino Zelensky, pronunciandola (in differita dall'inferno) davanti alla Knesset israeliana, l'abbia fatta fuori dal vaso. Parlare di «massacro», d'«eccidio», di «scempio», di «macello», d'«ecatombe» o di «carneficina» sarebbe stato, oltre che più esatto, anche più educato? Zelensky avrebbe dovuto essere più misurato anche con Putin? Invece di paragonarlo a Hitler, come ha fatto, avrebbe dovuto dargli del «dittatore», del «criminale di guerra», dell'«assassino» e dello «spacciatore da strada», come hanno fatto Joe Biden e Boris Johnson? Oppure dell'«animale», sull'alto esempio del nostro compitissimo ministro degli esteri? Può darsi, anche se a un orecchio intronato (e per così dire distratto) dalle bombe sganciate sulle città ucraine dall'aviazione e dall'artiglieria nazionalsocialista di Vladimir Putin le parole, com'è naturale, contano meno dei fatti. E i fatti sono quelli che sono: bambini affamati e sbandati, milioni di ucraini in fuga, altri milioni riparati negli scantinati e nelle fogne in compagnia dei topi, donne violentate e uccise, l'intero paese invaso da un esercito medievale con diritto di stupro e di saccheggio. Ebreo tra gli ebrei, sicuro dunque di non poter essere accusato di «negazionismo della Shoah», come ha subito farneticato un ministro israeliano, Zelensky avrà magari parlato a sproposito d'«olocausto», ma evidentemente contava sul fatto che proprio ricorrendo a questa espressione (un'iperbole, un'esagerazione, una licenza storica e linguistica) avrebbe comunicato l'orrore della situazione agli israeliani, che meglio di tutti possono capire cosa significa, per un popolo, vivere sotto l'incubo dei bombardamenti. C'è lì un mostro novecentesco al lavoro. Non sarà Hitler, ne sarà soltanto un'imitazione sbiadita; e non ricorrerà come il Führer alle camere a gas e, per il momento, nemmeno ai lager siberiani (benché le deportazioni con destinazione ignota, come sotto Stalin, siano già cominciate). Ma è ridicolo, anzi è irresponsabile, prendersela con Zelensky, che vede morire ogni giorno i suoi connazionali sotto le bombe e i missili russi, perché non misura le parole. Israele già rifiuta d'inviare armi in Ucraina, e per dichiararsi fuori dalla mischia deve avere, geopoliticamente parlando, le sue ragioni. Zelensky si è dimostrato educato e misurato abbastanza da comprendere queste ragioni, per quanto dentro di sé le disapprovi, al pari d'ogni altro cittadino ucraino. Ma che almeno gli sia risparmiata la sdegnosa ramanzina storica e linguistica. Cerchiamo di tenere l'occhio sulla palla. Un po' di rispetto per Davide contro Golia.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT