venerdi 28 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
08.12.2021 Afghanistan: universitari in fuga dai talebani
Cronaca di Filippo Merli

Testata: Italia Oggi
Data: 08 dicembre 2021
Pagina: 13
Autore: Filippo Merli
Titolo: «Universitari in fuga dai talebani»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 08/12/2021, a pag.13, con il titolo "Universitari in fuga dai talebani", il commento di Filippo Merli.

Chi sono i taliban, come si finanziano e chi li appoggia - Internazionale

Farzana studia scienze politiche all'università americana dell'Afghanistan. Da quando i talebani sono entrati a Kabul, circa tre mesi fa, ha cercato di scappare due volte. Ci è riuscito alla fine di novembre, quando, insieme con altri 18 coetanei, ha varcato il confine del Kirghizistan. Farzana, che ha preferito non svelare la sua vera identità, è uno dei 180 laureandi che sono riusciti a lasciare il paese per proseguire gli studi lontano dal regime. I ragazzi in fuga dall'Afghanistan si ammassano in diverse auto. Le giovani donne sono avvolte nell'hijab e fingono di essere sorelle o parenti dei compagni di viaggio per non destare sospetti. Guidano per ore e si sentono al sicuro solo quando si lasciano alle spalle Kabul. La maggior parte di loro ha una meta ben precisa impostata sul navigatore: Bishkek, la capitale del Kirghizistan, lì dove possono frequentare l'università americana dell'Asia centrale. Lasciare l'Afghanistan, per gli studenti, non è semplice. Farzana ha raccontato che un soldato ha ignorato i loro visti. E ha sparato un colpo in aria costringendo lui e gli altri ragazzi a risalire in auto.

Afghanistan, il nuovo governo dei taliban: terroristi - Limes

I cancelli si sono aperti solo dopo diverse ore, quando sono saliti su un autobus diretto in Pakistan, che insieme al Tagikistan rappresenta la tappa intermedia verso il Kirghizistan. «Non dimenticherò mai quel giorno», ha detto Farzana a Eurasianet. I tentativi di far andare via gli studenti prima che le forze armate statunitensi completassero il ritiro da Kabul sono falliti. L'università americana dell'Asia centrale, coordinando uno sforzo internazionale e assumendo una società di sicurezza finlandese con autisti locali al volante di una Toyota Corolla, ha trovato il modo di accoglierli. Il ministero degli esteri del Kirghizistan ha rilasciato visti per studenti, mentre il Pakistan ha concesso pass di transito per permettere agli universitari afgani di percorrere il viaggio da Kabul a Islamabad via terra. «Abbiamo sottolineato il fatto che erano studenti che stavano lasciando l'Afghanistan come parte della loro normale attività studentesca», ha spiegato il presidente ad interim dell'ateneo, Jonathan Becker. «Non erano rifugiati. Politicamente, in molti posti è più facile aiutare gli studenti che i profughi». «Siamo stati in grado di garantire borse di studio per studenti afgani, il che ha aiutato i governi del Kirghizistan e del Pakistan a ottenere i visti. Fortunatamente ci sono voli regolari da Islamabad a Bishkek visto il gran numero di studenti pakistani che cercano la laurea in medicina in Kirghizistan». Per molti ventenni la fuga dall'Afghanistan è il primo viaggio all'estero da soli. Non esattamente una vacanza di piacere. «A ogni posto di blocco talebano il mio cuore batteva forte», hanno raccontato, «Avevamo così tanta paura che avrebbero potuto scoprire chi eravamo e dove stavamo andando. Pensavamo che la fuga non riuscisse». L'università del Kirghizistan sta cercando di portare via altri ragazzi dall'Afghanistan. Ma sono sorti nuovi problemi. Molti degli studenti hanno subìto traumi e sono stati separati dalle loro famiglie. Anche il loro futuro, una volta conseguita la laurea, preoccupa i docenti delle università di Bishkek.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT