venerdi 28 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
27.11.2021 Raffaele Cantone: 'Il velo non si può imporre'
Commento di Marco Bianchi

Testata: Italia Oggi
Data: 27 novembre 2021
Pagina: 4
Autore: Marco Bianchi
Titolo: «Cantone bacchetta a sinistra. Il velo? Non si puo imporre»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 27/11/2021, a pag.4, con il titolo "Cantone bacchetta a sinistra. Il velo? Non si puo imporre", il commento di Marco Bianchi.

Raffaele Cantone lascia l'Autorità anti-corruzione:
Raffaele Cantone

E’ un periodaccio per la sinistra, abituata a essere omaggiata dai poteri forti. Dopo il premier Draghi che si è lanciato in una potente azione contro l'immigrazione incontrollata, tocca ora a Cantone (ex Anac) stracciare un'altro mantra carissimo ai piddini. Il suo intervento, contro la sentenza della stessa Procura (Perugia) da lui capeggiata, sta facendo riflettere parecchio. Ha detto parole giuste e sacrosante, che minano nel profondo le prevaricazioni dei musulmani che privano le loro donne della libertà di scelta, in nome di un vincolo religioso non tollerabile nel nostro Paese. «Imporre il velo rientra in un quadro culturale», ha sentenziato il pm perugino Franco Bettini, archiviando cosi le accuse di maltrattamento rivolte a un cittadino marocchino dalla propria moglie. Ma a rivoltarsi contro è stato inaspettatamente proprio il suo capo, Raffaele Cantone, che certo non può essere accusato di essere un pericoloso sovranista. La censura del capo della Procura di Perugia è tagliente e totale nei confronti dell'estensore del provvedimento di archiviazione, sollevando cosi un vespaio di polemiche. Ma la presa di posizione di Cantone ha spiazzato politici e movimentisti di sinistra, ridando fiato alle posizioni della destra italiana, da sempre sostenitrice della necessità di imporre nel nostro Paese leggi, regole e usi italiani. Nella richiesta di archiviare l'accusa di maltrattamenti nei confronti della moglie, a carico del nordafricano, è sottolineato che entrambi i coniugi siano di religione islamica e che questa condizione creerebbe un quadro culturale tale da giustificare l'imposizione del velo. Posizione aberrante in uno stato di diritto che ha fatto scattare la reazione del Procuratore Capo Cantone. E ora tutti attendono di rivedere i crocifissi tornare ad essere appesi nelle aule scolastiche e la carne di maiale servita in mensa agli studenti. La tolleranza e la ricerca dell'integrazione sono valori da coltivare e preservare, ma non possono diventare alibi per cancellare usi e tradizioni italiane a favore di quelle delle molteplici etnie presenti nel nostro Paese. Accogliere e fare integrare, non può voler dire azzerare e cancellare tutto il patrimonio popolare italiano. Esattamente come succede in tutte le altre Nazioni, anche le più accoglienti, ma che non perdono una che sia una delle proprie tradizioni. Non può voler dire questo e infatti cosi è. Salvo che a interpretare queste idee siano magistrati dalla spiccata simpatia che guarda a sinistra.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppoure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT