domenica 23 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
31.08.2021 Germania, il voto si avvicina
Commento di Roberto Giardina

Testata: Italia Oggi
Data: 31 agosto 2021
Pagina: 11
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Germania, fra un mese si vota»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 31/08/2021, a pag.11 con il titolo "Germania, fra un mese si vota" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

German election 2021 – POLITICO

Neanche i sondaggisti sono più quelli di una volta. Le previsioni per il voto politico in Germania del 26 settembre cambiano di settimana in settimana, anche di giorno in giorno. Dipende da chi li compie, ma spesso la stessa società diffonde risultati che si contraddicono. Chi è interrogato confida di votare per un partito, ma di non volere assolutamente il suo leader come Cancelliere. Secondo l'ultima Sonntagsfrage, il tradizionale sondaggio di domenica, il socialdemocratico Olaf Scholz, a 28 giorni dal voto, balza in testa con il 23%, stacca di tre punti il cristianodemocratico Armin Laschet sceso al 20%, e la verde Annalena Baerbok, sembra ormai fuori corsa per la vittoria, con il 18%. Colpa dei suoi errori, che dimostrano una sorprendente immaturità. A Pasqua era prima con il 30%. Ma che avverrà tra una settimana? Il margine d'errore è del 3%, e quindi i tedeschi non possono ancora prevedere chi prenderà il posto di Angela Merkel. I tedeschi sono ossessionati da sondaggi, non solo elettorali. Si interrogano sulla birra e sul vino, se portare la cravatta oppure no, sull'arte di grigliare würstel e hamburger sul barbecue, sul nome da dare ai figli, sugli animali domestici preferiti. I sociologi spiegano la mania con il desiderio di stare con la maggioranza. L'individualismo è pericoloso? Per questo, risponderebbero con sincerità ai questionari. Se barano non avrebbero più alcuna certezza. Forse è vero, oppure no. Con la sociologia non sa mai. In passato, nei grandi duelli, Schröder contro Kohl, o Schröder contro il bavarese Stoiber, o contro Frau Angela nel 2005, i contendenti ottenevano indici di gradimento tra il 40% e il 50%.

Die Wohnungswirtschaft im Wahljahr 2021 - Die Wohnungswirtschaft Bayern

Era uno scontro al vertice. Per i giornalisti era una sicurezza. I pronostici sbagliavano al massimo dell'1% in più o in meno. C'era un problema quando i duellanti erano quasi in parità. Schröder nel 2002 batté Stoiber per qualche migliaio di voti, e perse con un minimo distacco contro Frau Merkel. E’ un altro problema quando un partito era dato intorno al 5%, la soglia per entrare in Parlamento. Bastavano pochi voti per rimanere fuori, rivoluzionando il risultato generale. Nel 1969, i neonazisti dell'Npd, giunsero al 4,9%, sprecando i voti sottratti alla destra, all'ala conservatrice della Cdu/Csu, e paradossalmente favorirono la vittoria di Willy Brandt. In passato i partiti rappresentati al Bundestag erano appena tre, o tre e mezzo, perché la Csu bavarese è il partito gemello della Cdu ma diverso, l'Spd socialdemocratico, e l'Fdp liberale. Oggi sono il doppio: i verdi, la Linke all'estrema sinistra, e l'AfD, all'estrema destra, che è e arrivata in parlamento per la prima volta nel 2017. Le previsioni sono più complicate. Le altre formazioni non hanno alcuna chance di superare lo sbarramento. Oggi nessuno e sicuro di vincere, e di coalizioni possibili ne abbiamo quattro. C'è un problema di costi. Sempre meno i tedeschi sono disposti a rispondere al telefono, ha dichiarato Bernhard Weßes dell'istituto Wzb di Berlino. Negli Anni 80 erano il 70%, oggi a volte non più dell'1%. Intervistare di persona richiede tempo e aumenta il costo. I sondaggi online sono rapidi e meno affidabili. Ho l'impressione che i sondaggisti cerchino di guidare il risultato, a seconda del committente. Nel 2017 i Grünen ottennero poco più dell'8%, e a Pasqua nei sondaggi erano balzati al primo posto, sicuri di vincere con il 30%. Oggi sono crollati sotto il 20% Come mai? Eppure l'alluvione di metà luglio avrebbe dovuto favorire gli ecologisti. E oggi gli intervistati sono meno sinceri a causa del politically correct, e mentono anche nelle interviste compiute di persona. Gli elettori dell'AfD temono di essere giudicati neonazi, razzisti, populisti, non lo confessano, e poi finiscono per votare a destra, anche se fino a poco prima votavano a sinistra. Fino a quattro anni erano appena sopra il 4%, e pochi previdero il successo alle elezioni nazionali con il 12,6%. Si vergognavano di se stessi e avevano mentito ai sondaggi? Poi all'ultimo momento decisero deciso d'istinto votando per protesta.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT