lunedi` 15 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
16.06.2021 Lo stato dell'antisemitismo in Germania
Commento di Roberto Giardina

Testata: Italia Oggi
Data: 16 giugno 2021
Pagina: 13
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «Islam e antisemitismo tedeschi»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 16/06/2021, a pag.13 con il titolo "Islam e antisemitismo tedeschi" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

Gegenwärtiger Antisemitismus in Europa: Universität zu Lübeck
Uffa Jensen

Il 90% degli atti di antisemitismo è compiuto dagli estremisti di destra. Lo ha affermato il Bundeskriminalamt, l'ufficio federale per la criminalità, un dato ufficiale e dunque attendibile. Invece è falso, basta chiederlo agli ebrei vittime di aggressioni: in gran parte i colpevoli sono musulmani. Perché si vuole relativizzare e occultare l'antisemitismo degli immigrati islamici? I ministri degli interni della Nord-Renania Westfalia e del Baden Württemberg hanno riconosciuto il problema e hanno chiesto di analizzare l'antisemitismo a livello nazionale con più rigore e precisione. Se non è possibile identificare il colpevole, l'atto non dovrebbe essere attribuito automaticamente all'estremismo di destra. Ovviamente, gli aggressori sono anche tedeschi. Gli antisemiti in Germania sarebbero intorno al 20%, sempre troppi, ma nella media europea. E non sono tutti elettori dell'AfD, il partito dell'estrema destra. C'è un antisemitismo di sinistra che si manifesta negli attacchi a Israele. Le critiche possono essere fondate, ma dipende: non si pub accusare ad esempio gli israeliani di compiere un genocidio, come i nazisti, a danno dei palestinesi. Negli ultimi trent'anni si sono triplicati. Se si commenta che finita l'éra di Benjamin Netanjahu si potrà giungere alla pace, si insinua che fosse lui l'unico ostacolo, dimenticando Hamas. «Se proibiamo giustamente le manifestazioni dei neonazi, dovremmo logicamente proibire anche quelle degli islamisti», hanno sostenuto i ministri degli interni dei due Länder. Le statistiche vengono manipolate per dare l'impressione che l'antisemitismo dei musulmani sia una bagatelle. Secondo un'altra statistica, che tiene conto delle dichiarazioni delle vittime, il 62% delle offese verbali, e l'81% delle violenze fisiche è opera di musulmani. E questo dimostra, ha commentato Die Welt che nei rapporti della polizia, valutati dal Bundeskriminalamt, non si è ritenuto di dover tener conto delle testimonianze degli ebrei. Se a una manifestazione pro palestinesi, si grida Heil Hitler e non viene identificato il responsabile, il fatto viene registrato semplicemente come «di estrema destra».

Le aggressioni a scuola a danno degli studenti ebrei non vengono denunciate da professori e presidi, e considerate «normali litigi tra ragazzi». Lo ha denunciato Uffa Jensen, vicedirettore del centro di ricerca sull'antisemitismo. Si giunge al paradosso di non criticare o denunciare gli atti degli immigrati musulmani per il timore di essere accusati di islamofobia, di razzismo. Ma si pub avere paura di qualcuno o di qualcosa, sia pure irrazionalmente, senza essere razzisti. Fino a pochi anni fa, farsi riconoscere come ebreo per le strade di Berlino, non era un rischio, nono- stante che i musulmani, in gran parte turchi, fossero oltre il 10% della popolazione. La situazione è cambiata dal 2015, con l'arrivo in pochi mesi di oltre un milione di profughi, non tutti siriani, come si vuole continuare a credere. Da quella data, inizia l'avanzata dell'Afd che, da meno del 5%, ha quasi triplicato i voti, e nelle regioni della ex Ddr, è diventato il secondo partito. Ci sono ovviamente anche altri motivi, e molti votano per protesta contro il governo federale, ma già a rivelare questa coincidenza si rischia l'accusa di antislamismo. Secondo un sondaggio, per il 43% dei tedeschi, non solo quelli della ex Germania Est, è l'AfD, il partito che si preoccupa del problema dell'immigrazione islamica, più di tutti gli altri partiti messi insieme, i cristianodemocratici giungono al 21%, i socialdemocratici al 9%, i verdi a15%. Se si vuole bloccare il partito dell'estrema destra, bisognerebbe tenerne conto, e non accusare genericamente di razzismo i tedeschi orientali.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT