venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Italia Oggi Rassegna Stampa
14.04.2021 Germania: profilo di Sahra Waenknecht, la star della sinistra che dà fastidio
Commento di Roberto Giardina

Testata: Italia Oggi
Data: 14 aprile 2021
Pagina: 13
Autore: Roberto Giardina
Titolo: «E' di destra la star di sinistra?»
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi 14/04/2021, a pag.13 con il titolo "E' di destra la star di sinistra?" il commento di Roberto Giardina.

Immagine correlata
Roberto Giardina

Sahra Wagenknecht - Sputnik Italia
Sahra Waenknecht

La stella della sinistra è di destra? Sahra Waenknecht ha il difetto imperdonabile di dire quel che pensa e, ancor peggio, di avere ragione. Non sempre, quasi. Ed è bella, non un difetto ma un handicap. Da quando, molto giovane, ha conquistato la ribalta politica dà fastidio ai compagni della Linke, il partito dell'estrema sinistra, con le sue idee che mal si conciliano con il politically correct, che lei giudica un'ipocrisia. Oggi arriva in libreria il suo ultimo saggio, ma già da giorni era possibile comprarlo, Die Selbstgerechten (Campus Verlag, 24,95 euro), titolo che si può tradurre con gli ipocriti, arroganti, presuntuosi, opportunisti. Sahra, 51 anni, si è quasi giocata la candidatura al Bundestag alle prossime elezioni (26 settembre). E' stata confermata con appena il 61%, quasi un'offesa. Di solito, i compagni scelgono i loro leader con percentuali oltre il 90. Alla vigilia, era quasi probabile la bocciatura. La Linke, il partito della sinistra tedesca, nei sondaggi è inchiodata al 7%, nonostante la crisi dei grandi partiti, dei socialdemocratici e dei cristianodemocratici logorati dagli anni della Große Koalition e dal Covid. II partito non riesce a attirare quanti sono delusi dall'Spd, che preferiscono votare verde o, perfino, per i populisti dell'AfD. «Stiamo perdendo i nostri elettori», ha ammonito l'autrice. Quanto rimprovera alla sinistra tedesca dovrebbe interessare anche quella italiana.

Il capitolo su Fridays for Future è intitolato Il cambiamento climatico come alibi, non certo diplomatico mentre tutti seguono il trend dei verdi a caccia di voti. Ma, incalza Satira, la sinistra non ha un'ideologia, ha scelto solo uno stile di vita alla moda. E arriva a lodare il PiS, il partito del polacco Kaczynski, che realizza «una coraggiosa politica sociale». Ha denunciato l'ipocrisia nei confronti dell'immigrazione, che vorrebbe vietare ai giornali di riportare i crimini compiuti dagli immigrati. «II libro è un'unica dichiarazione d'amore alla destra», la accusata il compagno Thies Gleiss. Per la portavoce della frazione parlamentare della Linke, Simone Barrientos, «è un calcolato attacco ai tabù». «Le citazioni dal mio libro vengono estrapolate dal contesto, è una manipolazione per mettermi sotto accusa», ha risposto l'autrice. È abituata agli attacchi, e due anni fa si dimise dalla direzione del partito: «Accusarmi di essere razzista è una follia». Certamente, oggi si combatte contro i tabù: l'orientamento sessuale, il colore della pelle o l'etnia, funzionano sempre per far tacere ogni critica. «E un passaggio intollerabile del libro», si indigna il deputato Niema Movassat: «Se mio padre immigrato dall'Iran non trova posto come ingegnere non è perché finge di essere una vittima». Anche il padre di Salira, nata a Jena, nella scomparsa Ddr, era venuto dall'Iran. Studiava a Berlino Ovest e conobbe sua madre all'est, e si dileguò dopo la sua nascita. Lei non tollerò il servizio militare e il regime le impedì di studiare. La caduta del Muro le regalò la libertà, ma cominciò a militare nel Pds, l'erede del partito comunista, e poi nella Linke fondata da Oskar Lafontaine, deluso dall'Spd, «Oskar il rosso», per cui il cuore batte sempre a sinistra. Dal 2011, Sahra vive con Lafontaine e lo ha sposato tre anni dopo. Sahra ridicolizza l'arroganza e la stupidità della sinistra che vuol vietare Via col vento, mette all'indice Hegel (come fanno i compagni italiani, citati nel libro), e crede di combattere le multinazionali come la Unilever obbligandola a cambiare il nome della Zigeunersauce, la sala piccante alla zingara, invece di preoccuparsi dei 550 lavoratori dello stabilimento di Heilbronn che rischiano di perdere il poste. «Che cosa è destra che cosa è sinistra?», si chiede Sahra, non sa rispondere, ma è sicura che quelli che credono di essere di sinistra, risultano antipatici alla gente.

Per inviare a Italia Oggi la propria opinione, telefonare: 02/582191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

italiaoggi@class.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT