mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
13.06.2024 G7: 60 miliardi a Kiev dai fondi russi congelati. Per ora promessa
Cronaca di Marco Galluzzo

Testata: Corriere della Sera
Data: 13 giugno 2024
Pagina: 4
Autore: Marco Galluzzo
Titolo: «I Sette Grandi in Italia, intesa su 60 miliardi a Kiev.Tensione sull’aborto»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 13/06/2024, a pag.4 con il titolo "I Sette Grandi in Italia, intesa su 60 miliardi a Kiev.Tensione sull’aborto", la cronaca di Marco Galluzzo.


Marco Galluzzo


Finora Zelensky ha ricevuto molte strette di mano, speriamo che al questo G7 ci sia una svolta negli aiuti economici alla martoriata Ucraina!

BARI Quando oggi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky arriverà nel resort di Borgo Egnazia troverà una buona notizia ad attenderlo. Dopo ulteriori tre giorni di negoziati gli sherpa del G7 hanno trovato un compromesso sui fondi russi congelati in Belgio. Se tutto andrà per il meglio, perché le incognite dell’accordo sono ancora tante, prima della fine dell’anno l’Ucraina riceverà dai sette Stati del vertice uno o più assegni, che facilmente potranno superare i 60 miliardi di euro.

I termini dell’accordo sono questi. Gli interessi, o extra profitti, dei 200 e passa miliardi russi sequestrati, faranno da garanzia e ripagheranno un prestito collettivo, probabilmente spalmato su dieci anni o dodici anni, per il quale Washington è pronta a mettere 50 miliardi, il Canada 5, il Giappone 2 (andranno al Bilancio di Kiev e non in armamenti, la Costituzione di Tokyo lo vieta), mentre Italia, Francia e Germania rimandano al prossimo Consiglio europeo con pieni poteri, con le nuove cariche apicali di Bruxelles, la definizione del contributo europeo. Londra invece parteciperà con un suo strumento finanziario e deve ancora decidere la cifra.

È una delle conclusioni del vertice che si apre oggi in Puglia, dove da stamattina sono attesi Joe Biden, Emmanuel Macron, Olaf Scholz e gli altri membri del G7 e dove per due giorni si confronteranno almeno una ventina di capi di Stato e di governo, visto che saranno presenti anche leader che non appartengono al formato del vertice, da Erdogan all’indiano Modi, fresco di rielezione, al brasiliano Lula, mentre il discusso leader dell’Arabia Saudita Bin Salman non parteciperà.

Un vertice che è stato anticipato da una polemica a proposito delle conclusioni che toccano il diritto all’aborto. Una polemica sollevata dai francesi, in un briefing della sherpa Emmanuelle Bonne, secondo la quale l’Italia si sarebbe rifiutata di fare dei passi in più sull’argomento rispetto alle conclusioni dell’ultimo G7. Una contestazione smentita da Palazzo Chigi, che in una nota ha messo nero su bianco che «si sta ancora trattando e che nessuno Stato ha chiesto dei cambiamenti della bozza».

Uno dei passi in avanti decisivi, sui fondi russi, riguarda la tassazione dei profitti: il Belgio ci ha rinunciato, dunque i cosiddetti frozen assets russi genereranno interessi annuali non più per 3,5 miliardi l’anno, ma per 5. Nelle conclusioni del vertice verrà indicata una cifra al ribasso, cautelativa e approssimativa, di 50 miliardi, ma lo schema definitivo e la cifra esatta che sarà girata a Kiev sarà superiore ed emergerà nel prossimo G7 dei ministri finanziari, che dopo il passaggio politico dovrebbero trovare la cornice giuridica e finanziaria precisa. Manca ancora uno dei tasselli più importanti: liberare l’uso dei profitti dal veto possibile di Ungheria o altri Paesi della Ue, che deve votare ogni sei mesi sulla questione. Ma anche questa è una questione che sarà affrontata successivamente.

In ogni caso per Meloni si tratta di un obiettivo raggiunto, soprattutto in forma collettiva. Un altro risultato che insegue la nostra premier è quello di uscire dal vertice con un Piano Mattei rinforzato, con una maggiore sinergia con i progetti omologhi di americani ed europei. Non per nulla il summit si apre con una sessione dedicata all’Africa, e non per nulla quando gli americani hanno chiesto uno spazio nell’agenda per discutere del loro programma globale per le infrastrutture, alternativo alla Via della Seta cinese, programma adottato nel G7 di due anni fa in Germania e che ha una porzione dedicata all’Africa.

Nello staff di Giorgia Meloni hanno deciso di aprire la porta con generosità: del cosiddetto PGII — Partnership for Global Infrastructure and Investment — si discuterà oggi a porte chiuse fra i sette leader, per una buona ora, a partire delle 17. E fra gli altri sono stati invitati anche Larry Fink, il capo del fondo BlackRock, insieme con l’amministratore delegato di Microsoft, Satya Nadella.

C’è infine un altro punto che rende particolarmente soddisfatta Giorgia Meloni: l’accordo stretto con Londra sulla lotta al traffico dei migranti diventa oggetto di una dichiarazione collettiva. Per tutti e 7 i membri del G7 c’è il via libera ad una coalizione di contrasto ai flussi illegali di migrazione, con scambio di informazione dei rispettivi servizi segreti e azioni coordinate a livello globale da parte delle forze di polizia nazionali.

Filtrano anche altre parti delle conclusioni del vertice, anticipate dall’agenzia Bloomberg: il G7 vuole «aumentare la produzione e le consegne» di armi «per aiutare l’autodifesa dell’Ucraina», mentre verranno definite «irresponsabili» le minacce nucleari che sono arrivate da Mosca. I sette leader chiederanno anche la fine degli aiuti alla Russia da parte di Pechino, in un articolato e dettagliato appello al governo cinese.

Una nota di colore invece ha divertito gli staff più di tanti dettagli tecnici: Biden arriva stamane con un cuoco personale, sembra che assaggi tutto preventivamente. Gli chef del resort pugliese sono spiazzati, ma anche l’alimentazione del capo della Casa Bianca ha risvolti top secret.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT