lunedi` 20 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
22.04.2024 Ma la NATO si deciderà a aiutare l’Ucraina?
Intervista di Federico Fubini

Testata: Corriere della Sera
Data: 22 aprile 2024
Pagina: 12
Autore: Federico Fubini
Titolo: «Il manager dell’elettricità: «Le bombe hanno distrutto l’80% della produzione»»

Riprendiamo dal Corriere della Sera di oggi, 22/04/2024, a pag. 12, con il titolo "Il manager dell’elettricità: «Le bombe hanno distrutto l’80% della produzione»" l'intervista di Federico Fubini a Maxim Timchenko, amministratore delegato della compagnia elettrica ucraina Dtek.

Immagine correlata
Federico Fubini

Maxim Timchenko, amministratore delegato della compagnia elettrica Dtek, afferma che l'80% della produzione di energia è perso, a causa dei bombardamenti russi. E i bombardamenti russi sono possibili, perché la Nato non fornisce abbastanza missili per la difesa aerea e anti-missile. Quando si sveglierà la Nato?

Dietro l’autocontrollo il manager Maxim Timchenko nasconde a stento l’indignazione. Da amministratore delegato di Dtek, il campione ucraino dell’energia elettrica, la sua furia è rivolta alla Russia. Ma non sarebbe sorprendente se provasse frustrazione verso i governi occidentali che stanno lasciando il suo Paese privo di sufficienti difese antiaeree.

Le vostre infrastrutture elettriche sono tornate sotto attacco. Con quanti danni?
«Nelle ultime settimane sono state bombardate cinque delle nostre sei centrali. La sesta è vicina al confine russo e viene attaccata ogni giorno. Abbiamo perso fra il 70% e l’80% della capacità di produzione elettrica. Attualmente stiamo cercando di ricostituirla per quanto possibile, il piano è di recuperarne gran parte entro l’inverno. Sempre che non arrivino altri attacchi».

In termini finanziari, di cosa avete bisogno?
«Per ricostituire parte di quanto distrutto, servono 230 milioni di dollari in mezzi e strumenti solo per affrontare il prossimo inverno. Ma certo i danni complessivi valgono svariate centinaia di milioni di dollari: non abbiamo ancora il quadro esatto».

Quanta parte della popolazione ucraina è oggi senza elettricità?
«Riceviamo un aiuto dai Paesi europei, che ci permettono di importare energia, dunque gran parte della popolazione è ancora coperta. Ma i bombardamenti hanno provocato danni anche ai sistemi di trasmissione e per questo le regioni confinanti con la Russia stanno soffrendo. Hanno enormi problemi, perché è difficile far arrivare la corrente dove necessario».

Qual è l’aiuto più urgente che vi serve?
«È assolutamente prioritario rafforzare i nostri sistemi di difesa aerea, in questo abbiamo bisogno di supporto dagli Stati Uniti e dall’Europa. In caso contrario, tutto ciò che faremo per restaurare la capacità di produzione e trasmissione è destinato a essere vanificato. Senza difese aree gli impianti ricostruiti saranno distrutti a ciclo continuo».

Le infrastrutture colpite nelle ultime settimane erano state già riparate dopo attacchi precedenti?
«In due casi sì. Le avevamo ricostituite l’inverno scorso e ora sono di nuovo distrutte. La differenza è che prima i russi colpivano solo i sistemi di trasmissione, invece da gennaio hanno iniziato a prendere di mira anche le centrali di generazione».

Dunque senza le difese aree che gli Stati Uniti ora dovrebbero poter inviare, si rischia un ciclo continuo di distruzioni, ricostruzioni e nuove distruzioni?
«Assolutamente sì. E dopo ogni bombardamento non riusciamo mai a riportare un impianto al 100% della capacità di prima. Ogni attacco riduce l’affidabilità delle infrastrutture, fino a che a un certo punto dovremo considerarle definitivamente perdute».

La rete e le centrali elettriche sono obiettivi civili. Perché secondo lei i russi continuano a colpirle?
«È quello che fanno i terroristi: cercano di portare quanta sofferenza possono, alla cieca. Non si trova un’altra spiegazione per dei comportamenti terroristici. Il Tribunale penale internazionale dell’Aia indaga questi attacchi come crimini di guerra».

I russi dicono che sono la risposta agli attacchi alle loro raffinerie sul loro territorio da parte degli ucraini.
«E cosa spiega i loro bombardamenti alla nostra rete elettrica di due mesi fa, di sei mesi fa, di due anni fa? Lo fanno quasi dall’inizio della guerra, non ci sono giustificazioni che tengano».

La Russia ha intensificato gli attacchi, dopo l’attentato dell’Isis al Crocus di Mosca? Loro dicono che dietro ci sia l’Ucraina.
«I russi arrivano a tali estremi che si rendono ridicoli. È persino difficile commentare ciò che dicono. Sono totalmente privi di credibilità, nessuno gli dà ascolto».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT