giovedi` 30 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
21.04.2024 Perché in Italia non esiste un socialista come Raphael Glucksmann?
Analisi di Stefano Montefiori

Testata: Corriere della Sera
Data: 21 aprile 2024
Pagina: 30
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «Il declino di Mélenchon e lo sfogo pro Palestina»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 21/04/2024, a pag. 30, con il titolo "Il declino di Mélenchon e lo sfogo pro Palestina " l'analisi di Stefano Montefiori.

Stefano Montefiori - Unifrance
Stefano Montefiori
Raphael Glucksmann: «Non è Orbán il vero problema sul poco sostegno  all'Ucraina: troppi governi già pensano di tornare ai patti con Putin»-  Corriere.it
Raphael Glucksmann, politico socialista francese scalza Jean-Luc Mélenchon nei sondaggi. Mélenchon si è reso protagonista di una continua lode al terrorismo di Hamas dal 7 ottobre in poi

Paragonando il rettore dell’Università di Lille al nazista Adolf Eichmann, a colpi di citazioni di Hannah Arendt e della banalità del male, il leader della France Insoumise, Jean-Luc Mélenchon, si è reso protagonista in questi giorni di uno dei suoi ormai celebri eccessi verbali, che un tempo galvanizzavano la sinistra radicale francese e ora sembrano metterla sempre più in difficoltà. Mélenchon era infuriato per l’annullamento di una conferenza su Israele e Palestina che avrebbe dovuto tenersi nei locali dell’Università su invito di un gruppo di studenti pro-palestinese. Il rettore ha cancellato l’evento perché mancavano «le necessarie condizioni di serenità», e questo ha scatenato l’ennesimo sfogo di rabbia del 72enne Mélenchon, dal 7 ottobre sotto accusa anche a sinistra per le posizioni indulgenti nei confronti di Hamas. La sua compagna di partito Rima Hassan, 31enne giurista franco-palestinese nata in un campo profughi in Siria, che avrebbe dovuto tenere la conferenza con lui, è stata poi convocata dalla polizia per una possibile «apologia di terrorismo». Mélenchon grida al bavaglio e alla negazione delle libertà democratiche, ma appare anche molto nervoso per la forte ascesa del 42enne rivale socialista Raphaël Glucksmann, che nei sondaggi per le elezioni europee sta staccando la France Insoumise. Collerico e dispotico, Mélenchon è ormai visto anche da molti compagni di partito come un ostacolo alla ricomposizione della sinistra francese attorno alla figura, più responsabile e moderna, di Glucksmann.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT