giovedi` 30 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
25.03.2024 L’arroganza di Sinwar
Analisi di Andrea Nicastro

Testata: Corriere della Sera
Data: 25 marzo 2024
Pagina: 9
Autore: Andrea Nicastro
Titolo: «L’arroganza di Sinwar. Il capo gestisce i negoziati fra tunnel e pizzini»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 25/03/2024, a pag. 9, con il titolo "L’arroganza di Sinwar. Il capo gestisce i negoziati  fra tunnel e pizzini" l'analisi di Andrea Nicastro.

Risultati immagini per andrea nicastro corriere della sera

Andrea Nicastro

 

L'estesissima rete di tunnel scavati da Hamas sotto Gaza. In uno di questi si nasconde ancora il leader terrorista Sinwar che, con grande arroganza, a gestire i negoziati sugli ostaggi. Che dipendono dal suo benestare

 

 

Le ultime tracce (note) dell’uomo più ricercato del mondo sono in una telecamera di sicurezza che i soldati israeliani hanno trovato a metà febbraio a Khan Younis, nel centro della Striscia di Gaza. Nel solito bianco e nero di queste registrazioni, un miliziano illumina con una torcia elettrica una galleria alta quanto serve per non battere la testa. Lo seguono una donna con il velo e tre bambini tra i 5 e i 10 anni, alcuni usano la luce del cellulare per farsi strada. Chiude la fila Yahya Sinwar, il capo di Hamas a Gaza, l’ideatore del blitz divenuto massacro il 7 ottobre. La donna e i bambini sono la sua famiglia. Sinwar porta una valigetta da medico gonfia, pantaloni larghi, maglietta e ciabatte di plastica. Da sei mesi, ormai, i tunnel sono il suo (e il loro) unico orizzonte. Secondo le Forze di Difesa Israeliane è probabile che Sinwar non solo continui anche oggi a nascondersi con la famiglia, ma sia anche molto vicino alla prigione di alcuni ostaggi israeliani che usa come scudi umani. Attorno ha una cerchia di miliziani che dovrebbero dargli il tempo di scappare in caso di blitz.
Saddam Hussein sfuggì agli americani per 8 mesi. Poi a tradirlo fu un corriere che, torturato, rivelò la fattoria dove si nascondeva il presidente iracheno. Anche lui sottoterra. Sinwar è già in fuga da 6 mesi. Si dice che abbia abolito le comunicazioni elettroniche, che usi solo «pizzini» come Messina Denaro, latitante per 30 anni. Si dice che si sposti spesso, che solo una persona conosca l’ultimo rifugio, forse il fratello Mohammed. A inseguire i Sinwar ci sono le spie israeliane (Mossad e Shin Bet), ma anche Washington che fa volare sopra la Striscia ogni «orecchio» e «occhio» possibile. I telefonini in mano ai figli potrebbero essere una falla nel sistema di sicurezza così come qualunque «postino».
Ora Yahya Sinwar ha imposto che un eventuale accordo di cessate il fuoco e liberazione degli ostaggi debba avere il suo ok. Le trattative però avvengono a Doha, capitale del Qatar, dove, vista la sfiducia reciproca, i capi di Hamas in esilio stanno in un palazzo, i delegati israeliani in uno vicino e i mediatori vanno avanti e indietro con le carte. Dopo la decisione di Sinwar quelle carte dovranno volare fino a Il Cairo, attraversare il Canale di Suez e il deserto del Sinai, entrare nella Striscia di Gaza al valico di Rafah e da lì immergersi nella rete dei tunnel fino a Sinwar. Dicono che ci vorrà ogni volta dai due ai tre giorni. Uno sfoggio di efficienza arrogante davanti allo spiegamento di forze nemiche. E se gli 007 avessero un microchip da nascondere nei faldoni? E se satelliti o droni seguissero i messaggeri qatarini? Sinwar ha accettato il rischio. Perché? Il blitz del 7 ottobre l’ha reso famoso, la sopravvivenza in una Gaza distrutta dalle bombe leggendario. Non esiste più una Hamas in esilio e una dentro i tunnel, esiste solo l’Hamas di Sinwar. Si è guadagnato il potere con la spietatezza del blitz del 7 ottobre e col coraggio di restare.
Sinwar ogni giorno che sopravvive beffa i servizi segreti più sofisticati del mondo e ogni giorno si avvicina a diventare l’ennesimo «martire» da imitare per generazioni di combattenti. È però un simbolo potente anche per Israele. Tel Aviv ha cercato di indebolirlo facendo girare la voce che era scappato in Egitto, ma se riuscisse ad ucciderlo potrebbe proclamare vittoria. E, quindi, fermare l’invasione. È paradossale: Sinwar ha vissuto per la causa della Palestina, ma oggi più la sua morte che la sua vita può aiutare i palestinesi.

 

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT