venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
19.09.2023 Crimini nazisti in Italia impuniti
Commento di Liliana Segre

Testata: Corriere della Sera
Data: 19 settembre 2023
Pagina: 44
Autore: Liliana Segre
Titolo: «Crimini nazisti impuniti: alla ricerca della verità»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 19/09/2023, a pag.44, con il titolo "Crimini nazisti impuniti: alla ricerca della verità", la prefazione di Liliana Segre.

Liliana Segre, monumento vivente della Shoah
Liliana Segre

Caccia ai nazisti - Marco De Paolis - Libro - Rizzoli - Saggi italiani | IBS

Pubblichiamo la prefazione scritta dalla senatrice a vita Liliana Segre per il libro del magistrato Marco De Paolis «Caccia ai nazisti», in libreria da oggi per Rizzoli. Il volume illustra l’opera svolta da De Paolis per assicurare alla giustizia i responsabili delle stragi compiute nel nostro Paese tra il 1943 e il 1945. 

Questo libro del procuratore generale militare dottor Marco De Paolis è importante per le questioni di merito che affronta, i crimini nazifascisti contro la popolazione civile in Italia e all’estero, ma ancor più per il fatto in sé di accendere le luci su efferate vicende per decenni ignorate e nascoste nel cosiddetto «Armadio della vergogna». Nel mondo del secondo dopoguerra la Germania doveva essere reintegrata in fretta nel blocco occidentale, impegnato nel confronto con quello orientale sovietico, porla sul banco degli imputati, sia pur per orribili stragi di civili, era considerato inopportuno in termini di Realpolitik. Come anche ricordare le complicità dei repubblichini persino nei più atroci crimini contro la popolazione italiana creava non poco imbarazzo. Il manzoniano «sopire, troncare, troncare, sopire» divenne la regola nel mondo della «guerra fredda». Finalmente il «secolo breve» finì e sia pur con troppo ritardo l’armadio fu «scoperto» e aperto. Fu possibile da allora riorientare non solo la pubblicistica storica, ma anche l’attività giudiziaria a esigenze di verità e giustizia che invece dovrebbero essere normali e imprescrittibili. La procura generale militare nel nuovo clima ebbe modo di aprire i dossier di una infinità di massacri compiuti sul nostro territorio dall’invasore nazista e dai collaborazionisti fascisti e intraprendere così un percorso di riconoscimento del diritto alla giustizia a un gran numero di vittime civili. Il libro del dottor De Paolis ha il merito di ricostruire tutto questo con rigore e passione civile: verità storica, elenco delle stragi e dei fatti di sangue, resistenze di ogni tipo all’accertamento della verità, responsabilità penali di militari e civili. Il valore di un tale lavoro è proprio nel nesso fra attività giudiziaria, accertamento dei fatti e restituzione di giustizia e dignità alle vittime che riesce a istituire. E questo è effettivamente il modo migliore per contribuire a rendere la nostra opinione pubblica finalmente consapevole e partecipe di una delle pagine più oscure della nostra vita nazionale.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT