giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett 22/05/2024

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett
Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello

Ecco il video:
http://www.informazionecorretta.com/video/naftalibennet.mp4


Naftalì Bennett



Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
06.03.2023 Il Papa: 'Fermate gli scafisti'. Meloni è d'accordo
Cronaca di Adriana Logroscino

Testata: Corriere della Sera
Data: 06 marzo 2023
Pagina: 8
Autore: Adriana Logroscino
Titolo: «Francesco: mai più, fermate gli scafisti. E Meloni «fa sue» le parole del Papa»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 06/03/2023, a pag.8, con il titolo "Francesco: mai più, fermate gli scafisti. E Meloni «fa sue» le parole del Papa" la cronaca di Adriana Logroscino.

Il testo integrale del discorso integrale di Giorgia Meloni alla Camera per  la fiducia al governo - la Repubblica
Giorgia Meloni

Roma «Fermare le morti in mare, fermare i trafficanti di esseri umani. I viaggi della speranza non si trasformino mai più in viaggi della morte». Il monito pronunciato ieri da un commosso papa Francesco in piazza San Pietro è accolto così dalla presidente del Consiglio, Giorgia Meloni: «Facciamo nostre le sue parole, grande richiamo per tutte le istituzioni. Continueremo a impiegare tutte le forze necessarie per combattere i trafficanti e fermare le morti in mare». Più stringato il vicepremier Matteo Salvini: «Lavoro, non da oggi, per mettere in pratica le parole del Papa e salvare vite». E il lavoro del governo si sostanzia in una serie di appuntamenti imminenti. In settimana, forse giovedì o venerdì, ma una data ancora non c’è, il Consiglio dei ministri si riunirà a Cutro. Lì dovrebbe prendere forma un provvedimento, direttamente sotto la regia della premier, che coinvolge più ministeri: la rideterminazione dei flussi regolari, con un innalzamento della quota, l’inasprimento delle pene per i trafficanti e nuove procedure per semplificare i rimpatri sono le materie di cui dovrebbe occuparsi. Giovedì poi si riunirà il Consiglio europeo dei ministri dell’Interno in cui i cinque Paesi del Mediterraneo (con l’Italia, Cipro, Malta, Spagna e Grecia) torneranno a chiedere all’Europa che si faccia carico del problema migranti, anche aumentando con Frontex la sorveglianza dei confini e facendo decidere autonomamente ai Paesi più esposti le procedure di frontiera. A Bruxelles verrà inoltre chiesto di istituire un «meccanismo di solidarietà permanente obbligatorio» che vincoli gli Stati membri. Nell’ambito delle indagini sulla tragedia di Cutro, oggi a Catania saranno eseguiti accertamenti tecnici irripetibili sul telefono di uno dei tre presunti scafisti arrestati, quello che si dichiara minorenne, per estrarre messaggi, audio, foto che possano essere utili per l’inchiesta. Fonti giudiziarie fanno inoltre sapere che la Procura potrebbe chiedere, con un incidente probatorio, il confronto fra le versioni dei migranti e quelle dei presunti scafisti. Il clima rimane incandescente a livello politico con l’opposizione che imputa al governo il ritardo nei soccorsi. Il Pd con Giuseppe Provenzano torna a chiedere le dimissioni del ministro Matteo Piantedosi. Sinistra italiana ha depositato un esposto per «verificare responsabilità a livello ministeriale». Già domani Piantedosi, con un’informativa urgente del governo, ricostruirà alla Camera la dinamica dell’intervento della Guardia di finanza e il ruolo della Guardia costiera a Cutro. Prima di questi delicati appuntamenti e del Consiglio dei ministri in Calabria, non è escluso che il titolare del Viminale incontri Meloni. E anche l’Associazione nazionale magistrati, sulla vicenda, ha preso una posizione dura in un documento (approvato con un solo voto di scarto) che sembra replicare al titolare del Viminale: «Nessuna norma potrebbe mai imporre il dovere di non fuggire da Paesi dove le condizioni di vita non sono dignitose. Auspichiamo che in qualsiasi circostanza venga rispettato l’inderogabile obbligo di salvataggio».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT