domenica 03 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
02.03.2023 Usa: niente F-16 a Zelensky
Cronaca di Andrea Marinelli, Guido Olimpio

Testata: Corriere della Sera
Data: 02 marzo 2023
Pagina: 18
Autore: Andrea Marinelli, Guido Olimpio
Titolo: «Ritardi e modelli vecchi: i Leopard non sono ancora «liberi»»

Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 02/03/2023, a pag. 18, l'articolo di Andrea Marinelli, Guido Olimpo dal titolo "Ritardi e modelli vecchi: i Leopard non sono ancora «liberi»".

This Is Not A Meme
Hitler e Putin: maestro e allievo

La Nato promette mezzi all’Ucraina ma per la consegna reale può passare un’eternità. Sono gli aiuti del «giorno dopo», con l’Occidente che insegue gli sviluppi sul terreno e raramente riesce ad anticipare le esigenze. «Liberiamo i Leopardi», è stato lo slogan lanciato per ottenere il via libera della Germania alla fornitura dei Leopard 2 a Kiev mentre i partner accusavano Berlino di frenare. Una volta che il cancelliere Scholz ha concesso l’autorizzazione lo schema è crollato e l’obiettivo di garantire a Kiev 80-130 corazzati si è fatto complesso. I tedeschi ne daranno 18, i polacchi 14 (alcuni sarebbero già in area), gli svedesi 10, i finlandesi 3, i canadesi 8, gli spagnoli 10, i portoghesi 3. Numeri variabili citati in molte tabelle. Comunque pochi. Per quali ragioni? Molti sono in pessime condizioni ma soprattutto alcuni Paesi non vogliono compromettere la propria sicurezza. Come sottolinea il New York Times — ma non solo — gli europei hanno tagliato i budget, nascondendosi dietro la tutela americana e ritenendo che certi equipaggiamenti potessero essere sacrificati. Alcuni governi hanno ipotizzato di «liberare» anche gli anziani Leopard 1 (in deposito), con un programma finanziato da Germania, Danimarca e Olanda per 150 esemplari. Solo che devono essere trovati gli istruttori richiamando — secondo fonti tedesche — chi ha lasciato il lavoro. Torna un messaggio simile ad un appello: c’è chi può fare molto di più, come Varsavia. Ma è anche vero che la Polonia ha ceduto alla resistenza un gran numero di mezzi di concezione «sovietica» (le diverse versioni dei T72). I caccia rappresentano il secondo file importante sulla scrivania di Joe Biden e di Volodymyr Zelensky. La Casa Bianca ha ribadito che «per ora» non si prevede alcuna fornitura di caccia F16 in quanto sono altre le priorità. Gli ucraini — è la tesi — possono battersi lo stesso ed hanno bisogno di materiale per le operazioni terrestri. Il vice segretario per la Difesa Colin Kahl, davanti alla Commissione della Camera, ha offerto una stampella al ragionamento “presidenziale”: spedire a Kiev i velivoli pescati dalle nostre riserve richiede come minimo 18 mesi, sei anni se parliamo di nuovi. C’è chi ipotizza una tabella di marcia accelerata, forse potrebbe bastare un anno. Le spiegazioni tecniche sono fondate, al tempo stesso tornano utili per rinviare la decisione. Un caso Leopard con maggiori ostacoli. Una linea cauta per evitare l’escalation con Mosca. Per gli esperti, la resistenza ha bisogno delle nuove armi in tempi rapidi, tank e blindati devono essere un di più e non un rimpiazzo di quanto è andato distrutto in battaglia, è necessario intensificare il training per avere militari capaci non solo di guidare il carro ma di condurre grandi manovre coordinate. Citano i successi ucraini sul fronte Est con intere colonne incenerite ma anche l’emergenza a Bakhmut che potrebbe essere conquistata dall’invasore.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT