martedi` 05 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
29.01.2023 Perché è giusto ascoltare Zelensky a Sanremo
Aldo Cazzullo risponde a un lettore

Testata: Corriere della Sera
Data: 29 gennaio 2023
Pagina: 25
Autore: Aldo Cazzullo
Titolo: «Perché è giusto ascoltare Zelensky a Sanremo»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 29/01/2023 a pag.25, con il titolo "Perché è giusto ascoltare Zelensky a Sanremo", la risposta a un lettore di Aldo Cazzullo.

Immagine correlata
Aldo Cazzullo

Caro Aldo, come il salariato aspetta il fine settimana per recuperare le forze, così l’intero Paese aspetta Sanremo per allontanare le brutte notizie per una settimana. E concentrarsi sui nuovi emergenti, vecchie glorie che tornano e un Amadeus scacciapensieri. Ora sembra che a turbare un intero popolo da questa terapia distensiva ci sia l’intervento di Zelenski. Sono contrario: Zelenski intervenga in un tg o in un talk, ma non a Sanremo, dove un tema così duro come quello della guerra finirebbe per banalizzare le canzoni e viceversa. La leggerezza dell’Ariston per molti è una prestazione sanitaria antistress a cui sono abituati. Lei che ne pensa?

Livio Galluccio

Volodymyr Zelensky

Caro Livio, non sono d’accordo con lei. È un anno che Zelenski appare ai telegiornali, e la sua voce arriva agli italiani sempre più attutita. Pare quasi che la guerra sia un suo capriccio, che se non ci fosse l’ostinazione di Zelenski e dei duri del suo esercito la guerra sarebbe già finita. In realtà, senza il presidente e senza le armi — comprese quelle fornite dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e in minor misura dai Paesi dell’Unione europea —, Putin si sarebbe preso metà Ucraina, e avrebbe messo un suo fantoccio a governare l’altra metà. Per questo Zelenski va ascoltato. Aprire al suo racconto, alla sua testimonianza della resistenza di un popolo aggredito, una platea vasta come quella di Sanremo, consentirà al grande pubblico di riflettere su quel che accade sui confini orientali del nostro continente. (Il gancio per il collegamento c’è già: la vittoria dell’Ucraina all’Eurovision Song). Siamo un Paese provinciale, ripiegato su se stesso, immerso in un continuo revival. Ci commuoviamo giustamente per le persone che se ne vanno, ascoltiamo in un misto di sgomento e di curiosità il racconto delle loro malattie, ci crogioliamo nel «come eravamo»; e fatichiamo a renderci conto del mondo che cambia, non amiamo confrontarci con ciò che scompagina le nostre abitudini. Il riscaldamento del pianeta? Un’ubbia da «gretini». La guerra in Ucraina? Colpa dell’ostinazione di Zelenski. Magari fosse tutto così semplice.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT