giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
07.01.2023 Anne Appelbaum: 'L'Ucraina vincerà'
La intervista Viviana Mazza

Testata: Corriere della Sera
Data: 07 gennaio 2023
Pagina: 3
Autore: Viviana Mazza
Titolo: «'Dobbiamo immaginarci una vittoria ucraina. Sarà la fine di Putin'»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 07/01/2023, a pag.3, con il titolo 'Dobbiamo immaginarci una vittoria ucraina. Sarà la fine di Putin' l'intervista di Viviana Mazza.

Risultati immagini per viviana mazza
Viviana Mazza

Anne Applebaum, chi è la giornalista e scrittrice che ha vinto il premio  Pulitzer nel 2004. Il marito è il politico polacco Radosław Sikorski –  Corriere dell'Umbria
Anne Appelbaum

New York Il cessate il fuoco unilaterale (che sia reale o no) annunciato da Putin per il Natale ortodosso cambia qualcosa nella guerra? «Non cambia nulla. Ed è piuttosto cinico. Perché non dichiararlo il 24 dicembre, quando i cattolici ucraini e anche alcuni ortodossi celebrano il Natale? Oppure perché non farlo durante il Capodanno, che per molti nel mondo di lingua russa è più importante del Natale?»

A settembre, dopo la controffensiva ucraina nella regione di Kharkiv, Anne Applebaum — scrittrice e giornalista, coinvolta in passato anche in importanti colloqui voluti dal presidente Joe Biden con storici e intellettuali — scrisse sull’Atlantic: «Gli ucraini potrebbero vincere questa guerra. Noi nell’Occidente siamo davvero preparati a una vittoria ucraina? Sappiamo quali altri cambiamenti potrebbe portare?».

Già a marzo Applebaum diceva che bisognava «immaginare la possibilità di una vittoria», definita in termini più limitati («l’Ucraina resta una democrazia sovrana con il diritto di scegliere i propri leader e trattati»). Come ha chiarito Zelensky a Washington, la «vittoria» per Kiev non significa ormai solo recuperare territori, ma anche ottenere risarcimenti economici e giustizia per i crimini di guerra. Una definizione che per Applebaum è giustificata, anche se «straordinariamente ambiziosa».

Difficile immaginare come la Russia possa accettarlo, se Putin resta al potere. «Dobbiamo aspettarci che una vittoria ucraina, e certamente una vittoria per come l’Ucraina la concepisce, porterà anche la fine del regime di Putin», secondo Applebaum, il che è anche monito, poiché in assenza di meccanismi di successione, ciò comporta opportunità ma anche rischi.

Che cosa significa oggi dire che la vittoria è l’unica via per la pace in Ucraina? «Io credo che l’unico modo in cui la guerra possa finire — e intendo finire davvero e non riprendere dopo sei mesi o un anno — è se i russi perdono e capiscono di aver perso. Devono realizzare che la guerra è stata un errore e che non può essere ripetuta. La mia opinione è che come minimo debbano essere respinti dai territori che hanno conquistato dal 24 febbraio, meglio anche dalla Crimea. Devono vederlo come un disastro per il loro Paese. Penso che ciò non possa accadere se non c’è una chiara sconfitta russa».

Qualche giorno fa Macron ha detto che Parigi appoggerà l’Ucraina fino alla «vittoria». Washington dice che resterà al fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario, ma sembra evitare la parola «vittoria». Alla domanda ripetuta di un giornalista se gli Usa resteranno al fianco dell’Ucraina fino alla vittoria, il portavoce del dipartimento di Stato Ned Price ha risposto: «Vogliamo vedere una Ucraina indipendente, sovrana, prosperosa e capace di difendersi». «Per dar loro il beneficio del dubbio, la mia supposizione è che l’Amministrazione non voglia chiudersi in linee rosse che richiedano di ottenere “x” o “y” perché la guerra abbia fine, poiché le circostanze sul campo possono cambiare. La ragione per cui sono così vaghi — e a volte vaghi in maniera esasperante — è che non vogliono che tra sei mesi si dica “avete detto che avreste accettato solo questo particolare esito”. Questo per dare loro la migliore interpretazione. L’Amministrazione è stata piuttosto costante, quasi tutti — dai vertici ai funzionari — hanno ripetuto che non diranno agli ucraini cosa fare. Penso che probabilmente ci siano anche delle paure tra alcuni all’interno dell’Amministrazione: se o meno gli ucraini possano riconquistare il proprio territorio o il timore che il conflitto continui per lungo tempo. Ma quando ripeto che la guerra non finirà finché gli ucraini vincono e i russi perdono, non è per bellicismo: è l’unica via realistica».

Fino a che punto gli ucraini possono resistere? «Onestamente, resisterebbero fino a che non esistono più, perché per loro non c’è alcuna forma di resa che non implichi anche la morte. Capiscono che se vengono occupati dalla Russia moriranno, la loro civiltà scomparirà».

Vede cambiamenti a Mosca? «Ci sono certamente segnali di cambiamento. Putin non ha fatto la conferenza annuale di fine anno, ha subìto forti critiche della destra nazionalista e i sondaggi dell’opposizione mostrano cambiamenti nell’opinione pubblica contro la guerra, ma non sappiamo se ciò avrà dei risultati nelle politiche del Paese».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT