sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
11.11.2022 Stoltenberg a Roma: 'Italia fondamentale per la Nato'
Commento di Monica Guerzoni

Testata: Corriere della Sera
Data: 11 novembre 2022
Pagina: 15
Autore: Monica Guerzoni
Titolo: «Stoltenberg a Roma: 'Italia fondamentale per la Nato'»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 11/11/2022, a pag.15, con il titolo "Stoltenberg a Roma: 'Italia fondamentale per la Nato' ", la cronaca di Monica Guerzoni.

Cosa significa la visita di Stoltenberg per Meloni. L'analisi di  Minuto-Rizzo
Jens Stoltenberg, Giorgia Meloni

Per la sicurezza dell’Italia la Nato è «indispensabile» e Giorgia Meloni, incontrando a Palazzo Chigi il segretario generale Jens Stoltenberg, rafforza a parole i due «fondamentali» pilastri dell’alleanza, «la dimensione transatlantica e quella europea». Una collaborazione che la premier vorrebbe più stretta anche sul tema della difesa, perché «il partenariato strategico Nato-Ue è essenziale per la sicurezza euroatlantica». Il saluto è caloroso, l’ospite si congratula con la «cara Giorgia» per l’incarico alla guida del governo e definisce l’Italia «un fedele alleato della Nato, che aiuta l’Ucraina a resistere contro l’invasione della Russia». E poiché il mondo è «sempre più pericoloso, è essenziale che tutti gli alleati continuino a investire nella difesa». La leader della destra ribadisce il forte sostegno all’integrità territoriale, alla sovranità e alla libertà dell’Ucraina: «Siamo una nazione seria e leale, lo abbiamo dimostrato finora e continueremo a dimostrarlo». L’Occidente vive un momento «critico», la «brutale aggressione di Putin» mette a rischio la sicurezza europea e Stoltenberg ritiene l’Italia «fondamentale nella Nato». Meloni sprona a non trascurare il fronte Sud e vuole partecipare «da protagonista» a una alleanza «indispensabile per la sicurezza e la prosperità delle nostre nazioni». Lungo il fianco orientale l’Italia ha assunto «un importante ruolo» e Meloni promette che l’impegno per l’Ucraina non verrà meno, anche per «difendere i comuni valori della nostra identità occidentale». Il nostro Paese, sottolinea la premier, fornisce il comando delle due principali missioni Nato in Iraq e in Kosovo, dove «la situazione è molto delicata». In conferenza stampa Stoltenberg passa in rassegna i fronti Nato in cui le nostre forze armate sono impegnate (Bulgaria, Lettonia, Mar Nero, Mediterraneo) e loda l’Italia, che sta «spalla a spalla con gli altri alleati per mantenere la pace in Europa e sostenere l’Ucraina». Per il segretario generale il sostegno Nato «sta facendo la differenza». La Russia sul terreno «è sotto una forte pressione» e se l’esercito di Putin lascerà Kherson «sarà un’altra vittoria per l’Ucraina».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT