lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
07.11.2022 Iran, i massacri della polizia morale
Commento di Monica Ricci Sargentini

Testata: Corriere della Sera
Data: 07 novembre 2022
Pagina: 13
Autore: Monica Ricci Sargentini
Titolo: «Dopo Mahsa, un’altra donna massacrata dalla polizia»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 07/11/2022, a pag.13, con il titolo 'Dopo Mahsa, un’altra donna massacrata dalla polizia' l'analisi di Monica Ricci Sargentini.

Immagine correlata
Monica Ricci Sargentini

In Iran la polizia uccide ancora, 35enne ammazzata a manganellate durante  le proteste
Nasrin Ghadri

Un’altra donna morta per mano della polizia iraniana come accadde a Mahsa Amini, la 22enne uccisa dalla polizia morale a metà settembre mentre era in arresto per un velo fuori posto. Nasrin Ghadri aveva solo 35 anni ed era una dottoranda in filosofia a Teheran. Venerdì scorso era scesa in piazza nella capitale, come ormai avviene da quasi due mesi, per gridare «Donne, vita, libertà», lo slogan coniato dal movimento di liberazione delle donne curde e diventato il simbolo della protesta. La polizia ha reagito con il pugno di ferro attaccando i manifestanti e colpendo la ragazza alla testa con un manganello più volte. In ospedale la situazione è apparsa subito disperata e la giovane è deceduta sabato dopo essere entrata in coma. A riferirlo è Hengaw, un’associazione per i diritti umani che fa base in Norvegia e segue da vicino la situazione nel Paese islamico. Ufficialmente, però, le autorità non hanno comunicato la causa del decesso. Nasrin è stata sepolta in fretta e furia all’alba di ieri per volere delle autorità che temevano nuove tensioni. Il padre della ragazza, poi, ha spiegato che la figlia era morta per una «malattia» o una «intossicazione», una versione simile a quella adottata dalle autorità per il caso di Mahsa Amini. Un comportamento inaccettabile per gli abitanti di Marivan, la città di origine della donna, nel Kurdistan, che sono scesi in piazza gridando «Morte a Khamenei», bloccando alcune strade, tirando pietre contro gli uffici governativi e bruciando le bandiere iraniane. Nei video sui social si vedono gli agenti reagire con grande violenza sparando sui dimostranti e ferendo almeno 35 persone. Dall’inizio delle proteste per la morte di Mahsa Amini ci sono stati più di 250 morti, tra i quali ben 32 bambini, e gli arrestati superano i 12.500 secondo quanto riferito l’agenzia di notizie Hrana. Un bilancio drammatico che potrebbe peggiorare se, come chiesto ieri dalla stragrande maggioranza dei 290 deputati iraniani, si applicherà la legge del taglione contro i «mohareb» (nemici di Dio) cioè «coloro che hanno incitato le rivolte, tra cui alcuni politici».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT