mercoledi` 29 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
09.10.2022 Gay palestinese decapitato, il silenzio delle associazioni Lgbt+
Si era rifugiato in Israele, gay palestinese decapitato in Cisgiordania

Testata: Corriere della Sera
Data: 09 ottobre 2022
Pagina: 16
Autore: la redazione del Corriere della Sera
Titolo: «Si era rifugiato in Israele, gay palestinese decapitato in Cisgiordania»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 09/10/2022, a pag.16, la breve "Si era rifugiato in Israele, gay palestinese decapitato in Cisgiordania".

Non ci risulta che i movimenti gay siano intervenuti, schierandosi senza distinguo con la vittima. Gli stessi media ignorano quasi la notizia con la sola eccezione del Corriere della Sera.
Uccidere un omosessuale nei territori palestinesi non deve essere pubblicata?

Ecco la breve:

Gay man murdered after fleeing Palestine to escape persecution
Ahmad Abu Marakhia

Un palestinese della Cisgiordania accolto due anni fa in Israele da una ong di assistenza e protezione agli omosessuali è stato brutalmente ucciso da sconosciuti che hanno poi abbandonato il suo corpo a Hebron (Cisgiordania). Le immagini del cadavere decapitato hanno suscitato grande emozione. La polizia palestinese ha poi arrestato una persona che potrebbe essere coinvolta nel delitto. Il Jerusalem Post precisa che la vittima si chiamava Ahmad Abu Marakhia e aveva 25 anni. In Israele era stato assistito dall’associazione «Al-Bait al-Mokhtalef» (Una casa diversa) che aveva provveduto a garantirgli un permesso temporaneo di residenza fino ad un trasferimento definitivo in Canada, che sembrava ormai a portata di mano. La mattina di mercoledì era ancora a Tel Aviv, diretto al suo lavoro, mentre il suo cadavere è stato trovato la sera stessa a Hebron.

Cisgiordania: ucciso Lgbt palestinese che viveva a Tel Aviv - Israele -  ANSAMed.it

È presumibile che l’uomo sia stato rapito una volta arrivato nella città dove risiede la sua famiglia. La parlamentare laburista araba Ibtisam Mara’ana, che si è prodigata per allestire in Israele ostelli protettivi per gli omosessuali palestinesi, ha espresso dolore per l’uccisione di Abu Marakhia e promesso che continuerà i suoi sforzi. Sarebbero 90 i gay palestinesi che hanno ottenuto finora accoglienza in Israele perché temevano per la propria vita nei Territori controllati dall’Anp.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT