mercoledi` 29 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
05.10.2022 Gli aiuti militari dall'Italia all'Ucraina
Cronaca di Virginia Piccolillo

Testata: Corriere della Sera
Data: 05 ottobre 2022
Pagina: 6
Autore: Virginia Piccolillo
Titolo: «Quinto invio di armi a Kiev, Guerini anticipa il nuovo decreto»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 05/10/2022, a pag. 6, la cronaca di Virginia Piccolillo dal titolo "Quinto invio di armi a Kiev, Guerini anticipa il nuovo decreto".

Che tempo che fa 2021/22 - Il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini - Video  - RaiPlay
Lorenzo Guerini

Il governo si prepara a licenziare il nuovo decreto, il quinto, sugli aiuti militari all’Ucraina, sotto minaccia nucleare: ieri il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ne ha illustrato i contenuti, classificati, al Copasir. E il presidente Adolfo Urso (FdI), il più gettonato nel totoministri come prossimo titolare della Difesa, ha spiegato che il Copasir ha riscontrato l’aderenza del testo alle indicazioni e agli indirizzi dettati dal Parlamento. Anche se l’elenco è, appunto, segreto, si è parlato più volte di missili anticarro, sistemi di difesa aerea Stinger, mortai e altro. Perché, come ha spiegato il premier Draghi, non si può pensare che l’Ucraina si difenda «a mani nude». È bastata un’ora dall’intervento di Guerini per vedere arrivare la risposta via social dal consueto sapore provocatorio dell’ambasciata russa: «Le forniture di armi all’Ucraina non aiutano a risolvere il problema del caro-bollette», ha scritto l’ambasciata sui social sotto la foto di armi con scritte in lingua italiana. Polemiche giungono dal leader M5S, Giuseppe Conte che auspica manifestazioni di cittadini per invocare una «svolta negoziale» che, a suo giudizio, potrebbe porre fine al conflitto. Ma la situazione illustrata dal ministro non concede molte speranze sulle reali intenzioni di pace di Vladimir Putin che intende mantenere la posizione conquistata con i referendum-farsa. Per questo si accelera anche sulle contromisure che il nostro Paese ha approntato nel decreto Aiuti-bis. Il Copasir le ha analizzate ieri. Uno schema di decreto attuativo relativo all’impiego del personale delle forze speciali della Difesa all’estero, su proposta di Maurizio Cattoi, che ha avuto parere favorevole unanime. Poi, uno schema di regolamento che concede garanzie funzionali e amministrative agli 007 infiltrati all’estero, su proposta di Federica Dieni, anche questo approvato all’unanimità. E uno che regola le modalità con le quali può essere condotto un contrattacco hacker. Ovvero la risposta dell’intelligence nel caso in cui il nostro Paese subisca un attacco cibernetico da un altro Stato o dai terroristi.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT