martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
17.09.2022 Iran: picchiata a morte per il velo
Cronaca di Marta Serafini

Testata: Corriere della Sera
Data: 17 settembre 2022
Pagina: 25
Autore: Marta Serafini
Titolo: «Picchiata a morte per il velo, l’indignazione risveglia l’Iran»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 17/09/2022, a pag. 25, con il titolo "Picchiata a morte per il velo, l’indignazione risveglia l’Iran" la cronaca di Marta Serafini.

Immagine correlata
Marta Serafini

Iranian Woman Dies after Being Attacked by Iran's Notorious Morality Police
Masha Amini

Pestata a morte dalla polizia della moralità perché non rispettava le regole sul velo. Accade in Iran, dove una donna di 22 è stata uccisa dopo essere stata arrestata. Testimoni oculari raccontano come Masha Amini sia stata picchiata mentre si trovava all’interno di un furgone della polizia dopo essere stata arrestata a Teheran martedì. Altre versioni riportano come Masha sia stata portata in una stazione di polizia per assistere a «un’ora di rieducazione». La polizia ha confermato l’arresto per questioni legate al velo, obbligatorio per le donne ma ha smentito le accuse, parlando di un «improvviso problema cardiaco». La famiglia della giovane di origini curdo-iraniane ha però spiegato come Masha non soffrisse di alcun disturbo cardiaco e fosse sana. E ha anche riportato di non essere stata informata del trasporto di Masha in ospedale in coma prima della sua morte, avvenuta venerdì. Come riportano diversi media iraniani indipendenti, la ragazza è deceduta all’ospedale Kasra nella capitale. Subito dopo che notizia del decesso ha iniziato a circolare, una folla si è radunata in segno di solidarietà e protesta. Il tutto mentre agenti di polizia circondavano la clinica. Nella serata di ieri poi una nuova protesta è stata repressa tra botte e arresti. Quello di Masha Amini è solo l’ultimo caso di brutalità contro le donne da parte delle autorità iraniane nelle ultime settimane. La sua morte arriva sulla scia di numerose denunce di abusi sulle donne, accusate di aver violato il codice di abbigliamento islamico e per questo obbligate a restare fuori dagli edifici pubblici o addirittura aggredite. Il presidente iraniano, Ebrahim Raisi, ha ordinato al ministero dell’Interno di aprire un’inchiesta per chiarire la vicenda. Da parte sua, Amnesty International è tornata a denunciare come «degradante e discriminatoria» la legge sull’obbligo del velo per le donne in Iran che dalla rivoluzione islamica del 1979, richiede alle donne, iraniane e straniere e qualunque sia la loro religione, di coprire il capo e indossare vestiti ampi che coprano le forme. Lo zelo delle autorità sul tema era diminuito sotto il precedente governo del presidente pragmatico, Hassan Rohani, e un numero crescente di donne iraniane, a Teheran e in altre grandi città, lascia spesso i capelli quasi scoperti. Negli ultimi mesi, però, sotto la presidenza dell’ultraconservatore Raisi, gli interventi della polizia per far rispettare l’obbligo del velo si sono moltiplicati. Molti iraniani, anche filo-governativi e personalità note come il regista premio Oscar Asghar Farhadi e l’attrice Golshifteh Farahani, hanno espresso la loro indignazione sulle piattaforme social contro la polizia morale e hanno twittato contro le ronde. Il tutto mentre circolano video che mostrano agenti che trattengono le donne, le trascinano a terra e le portano via con forza. Molti iraniani incolpano direttamente Ali Khamenei. E in queste ore sui social circola un video in cui il Leader Supremo giustifica il ruolo della polizia morale e insiste sul fatto che sotto il dominio islamico le donne devono osservare il codice di abbigliamento islamico. Una frattura sociale tra la giovane e dinamica società iraniana e l’oscurantismo di chi detiene il potere che il brutale omicidio di Masha non farà altro che aggravare.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT