mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
09.08.2022 Taiwan: la Cina è in trappola nella sua geografia
Federico Fubini intervista Giuseppe Izzo,grande esperto su Taiwan

Testata: Corriere della Sera
Data: 09 agosto 2022
Pagina: 10
Autore: Federico Fubini
Titolo: «Taipei non è solo semiconduttori e chip»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 09/08/2022, a pag.10, con il titolo "Taipei non è solo semiconduttori e chip" l'intervista di Federico Fubini a Giuseppe Izzo.

Federico Fubini, Autore presso Fondazione Luigi Einaudi
Federico Fubini

Giuseppe Izzo, ex presidente e oggi vicepresidente della Camera di commercio europea a Taipei e manager di punta nel settore semiconduttori vive a Taiwan da trent’anni. Probabilmente è l’italiano che conosce meglio l’isola e le ragioni che ne fanno un territorio di importanza strategica per l’economia globale.

Izzo, il blocco navale di fatto che la Cina sta imponendo in questi giorni è un trauma per i taiwanesi?
«Assolutamente no. I fatti di questi giorni passano sopra la testa della gente. Nella società non è successo proprio nulla, non vedo rallentamenti. L’altro giorno cadeva l’equivalente cinese di San Valentino e nei ristoranti non c’era un solo posto libero. Gli shopping mall sono strapieni».

Fuori però, a poche miglia marine, navi da guerra cinesi stanno sparando e simulano un’aggressione armata dell’isola…
«Sono questioni non nuove, queste storie vanno avanti dal 1949. Nel ’96 quando ci furono le prime elezioni democratiche, i taiwanesi attraversarono momenti anche più difficili».

Lei crede che l’élite di Taipei e la popolazione in genere si sentano pronte a resistere a un attacco?
«C’è la sensazione di un’accelerazione. Ma la si vive più come una disputa fra Stati Uniti e Cina, anche se è effettivamente una minaccia».

C’è chi teme che una guerra sull’isola sarebbe uno choc per l’economia mondiale. Quanto è sistemica Taiwan per le catene globali del valore?

«La maggior parte dell’export taiwanese va in Cina, non altrove. Sono prodotti semilavorati, che vengono completati in Cina e poi esportati altrove. Taiwan ha grandi gruppi di elettronica di consumo come Foxconn, Quanta, Inventec, grandi produttori per conto terzi. Ormai a Taiwan si fa solo la parte della ricerca e sviluppo e dell’ingegneria. Poi i telefoni della Apple si assemblano in Cina e così molti altri prodotti. I grandi costruttori taiwanesi danno lavoro in Cina a circa 15 milioni di persone. Dunque un blocco navale di Taiwan avrebbe un impatto sull’economia mondiale, ma attraverso la Cina. Va anche detto che i taiwanesi di recente hanno iniziato a diversificare gli investimenti, soprattutto in India, Indonesia e Thailandia».

 Dunque Taiwan dipende per molti aspetti dalla Cina, ma è vero anche il contrario.
Le mire del dragone La Cina è chiusa a Nord da mari ghiacciati, a Est da Giappone e Corea. La conquista di Taiwan significherebbe dominio incontrastato del Pacifico «È un intreccio simbiotico, difficile da sciogliere. I taiwanesi in Cina fanno molti prodotti destinati agli Stati Uniti o per conto di imprese americane. I taiwanesi producono il 12% della Tesla — tutta la parte elettronica — poi l’assemblaggio avviene in Cina. Una dinamica simile ha luogo per i computer di Hp, le scarpe Nike e Adidas o la filiera delle biciclette. La Giant, taiwanese, è la più grande azienda mondiale del settore».

Un’invasione cinese ridurrebbe in maniera drammatica la produzione di semiconduttori, perché la taiwanese Tsmc è di gran lunga il primo gruppo mondiale del settore. Non trova?

«È l’aspetto più sensibile. In questi ultimi due anni si è molto discusso sui microchip per i problemi di produzione insufficiente e penuria. In tempi normali è solo questione di tempo per recuperare. Ma Taiwan ha questa vulnerabilità, è vero».

Ce l’ha Taiwan o ce l’ha il resto del mondo, che dipende da Taiwan?

«La coreana Samsung Semiconductors fa prodotti simili e l’americana Intel sta investendo molto, ma sicuramente ci sarebbero ritardi enormi nella filiera. Perché Tsmc non produce solo i chip microscopici che vanno nei cellulari, ma anche molte altre tecnologie altrettanto avanzate».

La Cina, come la Russia, sarà pronta a subire un violento degrado della propria economia in nome dell’obiettivo geopolitico di conquistare un proprio vicino?

«Bisogna pensare che la Cina è intrappolata nella sua geografia. Taiwan non rappresenta solo un simbolo emotivo, culturale o storico, ma uno sbocco nel Pacifico. Xi Jinping ha speso centinaia di miliardi di dollari nella Via della Seta per accelerare l’export verso l’Europa. Ma verso Occidente la Cina è chiusa a Nord dai mari ghiacciati, poi dalla Corea, dal Giappone, dalle Filippine e da Taiwan. Conquistare l’isola per loro vuol dire conquistare l’accesso incontrastato al Pacifico. Tenga anche presente che circa metà della popolazione a Taiwan non sarebbe ostile a una riunificazione purché avvenga in modo pacifico».

Intende dire che la Cina non si fermerà?

«Lo si capirà dopo il prossimo Congresso del partito a Pechino, sulla base dei capisaldi che Xi Jinping metterà nel suo programma».

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT