sabato 13 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
02.08.2022 Giallo sull'ex uomo dello zar Putin in ospedale per un malore
Cronaca di Marco Imarisio, Alberto Pinna

Testata: Corriere della Sera
Data: 02 agosto 2022
Pagina: 10
Autore: Marco Imarisio, Alberto Pinna
Titolo: «Il giallo di Anatolij Chubais, ex uomo dello zar Putin in ospedale per un malore»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 02/08/2022, a pag. 10, con il titolo "Il giallo di Anatolij Chubais, ex uomo dello zar Putin in ospedale per un malore", la cronaca di Marco Imarisio, Alberto Pinna.

Anatoly Chubais: Ukrayna işgalini protesto etmek için istifa eden Putin'in  üst düzey danışmanı, nadir görülen otoimmün bozuklukla hastaneye kaldırıldı  - Sanal Kral
Anatolij Chubais

L’unica cosa certa è che Anatolij Chubais, ex consigliere di Vladimir Putin, partito dalla Russia un mese dopo l’invasione dell’Ucraina, ha avuto un malore serio, ed è stato persino in rianimazione. «Non è in pericolo di vita» rassicurano dalla clinica privata di Olbia dove è ricoverato. Ma il nome, e le disgrazie capitate a chi in Russia manifesta il proprio dissenso, autorizzano a ipotizzare misteri, sospetti e ombre. Lo scorso marzo, l’economista liberale che fu tra i principali collaboratori di Boris Eltsin, si è precipitosamente trasferito in Italia. Vive fra Sardegna e Toscana, dove ha proprietà e interessi. La scorsa settimana era in vacanza in un resort della Costa Smeralda. Un pomeriggio, accusa sintomi strani. «Non mi sento più le gambe e le mani» si lamenta con la moglie. Corsa all’ospedale, diagnosi aperta. Potrebbe essere la sindrome di Guillain-Barré, un disturbo neurologico del quale soffre da tempo, che si è riacutizzato con il Covid contratto nel 2020, e che tra i suoi sintomi principali presenta proprio il blocco delle articolazioni. Oppure, una intossicazione. Nelle strutture pubbliche di Olbia non ci sono reparti di neurologia. Chubais viene mandato alla Mater Olbia, clinica privata della Qatar Foundation. Da Mosca l’agenzia Tass rivela che secondo la moglie di Chubais, «uomini della polizia italiana in tuta bianca hanno ispezionato il resort». Un dettaglio che, dati i precedenti, accredita subito il possibile avvelenamento. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha manifestato «sincero dispiacere» per l’accaduto. Al Mater Olbia Hospital intanto è stata rinforzata la vigilanza esterna. Chubais è senz’altro un uomo che sa molte cose. Ma l’etichetta di eroe dissidente che gli è stata assegnata dopo la sua fuga dalla Russia gli sta molto larga. Nasce nel 1955 in Bielorussia. All’inizio degli anni Novanta fonda un circolo di economisti liberali e diventa il principale collaboratore dell’allora sindaco di San Pietroburgo Anatolij Sobchak, il futuro padrino politico di Vladimir Putin. Non è un caso che l’allarme sulle sue condizioni sia stato lanciato dalla presentatrice Ksenya Sobchak, figlia dell’uomo che ancora oggi l’attuale presidente considera il suo benefattore. Più che un oppositore, è sempre stato considerato un membro ad honorem della «banda» di San Pietroburgo che ha preso il potere al Cremlino. Anche per questo, molti sostengono che la sua fuga di fine marzo è stata in realtà autorizzata, l’ultimo favore a un uomo malato. Chubais è anche parte integrante della recente storia russa. Fu lui, mettendosi a capo del Comitato per il patrimonio statale, a preparare il programma delle privatizzazioni che svendette a poche persone le principali aziende pubbliche russe. Per questo viene considerato il padrino, di ogni oligarca. Durante l’era Eltsin è stato due volte vicepremier. Nel 1999, fonda con l’astro nascente Boris Nemtsov l’Unione delle forze di destra, partito di ispirazione liberale. Nel marzo del 2005 subì un attentato, salvandosi grazie alla sua auto blindata. Poco prima delle elezioni del 2008, forse le più contendibili degli ultimi vent’anni per via della scadenza del secondo mandato presidenziale di Putin, distrusse la carriera politica di Nemstov sciogliendo il loro partito e aderendo a Causa Giusta, una formazione controllata dal Cremlino. Il nuovo presidente Dmitry Medvedev lo nominò capo della Rosnano, l’agenzia statale per lo sviluppo delle nanotecnologie russe. Negli ultimi anni Chubais ha vissuto ai bordi del vero potere, accontentandosi di qualche prebenda. Quando è fuggito verso l’Italia, era assistente del presidente per i rapporti internazionali in materia dello sviluppo sostenibile. Non proprio la prima preoccupazione di Putin.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT