martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
23.07.2022 Le sanzioni e le scappatoie della Russia
Commento di Federico Fubini

Testata: Corriere della Sera
Data: 23 luglio 2022
Pagina: 30
Autore: Federico Fubini
Titolo: «Le sanzioni e le scappatoie della Russia»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 23/07/2022, a pag. 30, con il titolo "Le sanzioni e le scappatoie della Russia", l'analisi di Federico Fubini.

Immagine correlata
Federico Fubini

ANALYSIS - Russia-Ukraine war: Opportunity or threat for China?

L’Unione europea è al settimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Un migliaio di persone e i loro beni sono stati colpiti, le riserve ufficiali solo bloccate per centinaia di miliardi e in teoria la Russia non potrebbe più importare prodotti tecnologici e industriali. Ma quanto mordono le sanzioni occidentali e quanto sono rispettate? La risposta varia ogni giorno, perché i russi cercano sempre nuovi modi di aggirare le restrizioni e i governi occidentali cercano di chiudere le falle. Ma gli esempi della Svizzera e delle petroliere russe fanno capire che si potrebbe fare di più. Basta guardare il caso Sovcomflot, l’azienda di Stato di Mosca che gestisce 110 petroliere: da mesi è sottoposta a sanzioni degli Stati Uniti e dell’Unione europea, eppure continua ad operare i suoi carichi di greggio da 240 milioni di dollari l’uno nei porti olandesi, belgi, francesi, bulgari e italiani (a Santa Panagia, vicino a Siracusa, dove sorge una raffineria del gruppo russo Lukoil).

German Ex-Lawmaker Believes Sanctions Do More Harm to West Than to Russia -  Other Media news - Tasnim News Agency

Possibile? Sì perché in aprile Sovcomflot ha trasferito 98 delle sue navi di proprietà o in affitto alla gestione della Scf Management Services Dubai, una società registrata negli Emirati Arabi Uniti. Alcune delle petroliere sono passate sotto bandiera liberiana, mentre i certificati di sicurezza richiesti dalle assicurazioni vengono rilasciati dal registro per la navigazione dell’India. In sostanza la Russia usa Paesi neutrali nella guerra per creare una copertura posticcia, ma efficace. E neanche il più recente pacchetto di sanzioni europee fa niente per smantellarle questo. Quanto alle sanzioni finanziarie, colpisce che la Svizzera da sola abbia congelato beni di cittadini russi per circa dieci miliardi di euro: tanto quanto l’intera Unione europea. Eppure la ricchezza dei russi negli istituti elvetici, secondo l’Associazione bancaria svizzera, vale tra 150 e 200 miliardi. La strada è ancora lunga.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT