martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
22.07.2022 Italia: le risposte da dare
Editoriale di Aldo Cazzullo

Testata: Corriere della Sera
Data: 22 luglio 2022
Pagina: 1
Autore: Aldo Cazzullo
Titolo: «Le risposte da dare»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 22/07/2022 a pag.1, con il titolo "Le risposte da dare", l'analisi di Aldo Cazzullo.

Immagine correlata
Aldo Cazzullo

Draghi in Parlamento: correre sui vaccini, prime riaperture dopo Pasqua
Mario Draghi in Parlamento

È possibile condurre ad agosto una campagna elettorale seria, senza promesse impossibili da mantenere, senza tradire la collocazione internazionale dell’Italia? Non solo è possibile; è necessario. Soprattutto se poi si vuole governare davvero. C’è qualcosa di irrazionale, in un Paese che si priva di un uomo come Mario Draghi. Nello stesso tempo, quello che è accaduto l’altro ieri in Senato è perfettamente logico. Il populismo, di destra — Salvini — e di sinistra o presunta tale — i 5 Stelle —, poteva restare imbrigliato nella logica liberale ed europeista in tempo di crisi e in circostanze eccezionali. Ma già nel gennaio scorso, ignorando la disponibilità di Draghi a proseguire per sette anni al Quirinale il suo ruolo di garante dell’ancoraggio europeo e atlantico dell’Italia, i populisti avevano di fatto chiuso l’esperienza della solidarietà nazionale. Si è pensato che la guerra in Ucraina, con la crisi energetica e l’impennata dei prezzi, avrebbe prorogato l’emergenza, quindi il governo. Passati i primi mesi, è accaduto il contrario. È proprio la linea della fermezza verso Putin ad aver mandato in frantumi la maggioranza; a meno che qualcuno non creda seriamente che il governo sia caduto su tassisti e bagnini. M a ora si apre un’altra pagina. E sarà difficile fare come se la guerra non ci fosse, come se l’emergenza economica non esistesse, come se il governo Draghi non ci fosse mai stato. Anzi, mercoledì mattina al Senato Draghi ha posto alcuni punti con cui chiunque intenda governare il Paese dovrà confrontarsi. L’Italia veleggia verso i tremila miliardi di debito pubblico. Fronteggia una drammatica crisi energetica, priva com’è di fonti nucleari e naturali, in difficoltà financo a far funzionare i rigassificatori necessari a usare quelle che importiamo. Si è impegnata con l’Europa a una serie di riforme liberali, in cambio di decine di miliardi a fondo perduto. Ha un ruolo-chiave nella costruzione europea e nel confronto con la Russia di Putin. Cosa pensano di questi temi i leader che si candidano alla successione di Draghi? Si preparano a promettere tutto a tutti, facendo esplodere il debito pubblico? Hanno un piano per evitare il razionamento energetico nel prossimo inverno, con il rischio di fermare la produzione industriale? Porteranno avanti l’agenda delle riforme, o si arrenderanno alle categorie che gridano di più? Soprattutto: sono per rafforzare l’Europa, d’intesa con Macron, Scholz, von der Leyen? O sono per indebolirla, d’intesa con Orbán? Infine: sono contro Putin? O sono con Putin? Non sarebbe serio sottrarsi, in campagna elettorale, a queste risposte. I partiti che si presenteranno alle elezioni del 25 settembre non saranno gli stessi che conosciamo. Al centro nascerà una forza per federare coloro che sono usciti dai Cinque Stelle, da Forza Italia, dallo stesso Pd. A destra è probabile che Berlusconi e Salvini tenteranno di unirsi, nella speranza di non consegnare a Giorgia Meloni le chiavi della coalizione favorita da tutti i sondaggi. Sarà interessante vedere se il Pd tenterà di far propria l’agenda Draghi senza Draghi, o cercherà di recuperare il rapporto con Conte. Sarà ancora più interessante capire quanto resterà nel centrodestra dei valori e delle scelte del governo di solidarietà nazionale, e quanto sarà concesso alle ragioni del populismo. Non perché il centrodestra debba snaturarsi, ma perché deve decidere non solo tra libertà e protezionismo, ma anche tra Bruxelles, Parigi, Berlino da una parte e Budapest e Mosca dall’altra; nella consapevolezza che vincere le elezioni è condizione necessaria ma non sufficiente per governare a lungo un Paese fortemente indebitato e strettamente legato all’Unione europea come il nostro. Gli italiani sono consapevoli di avere di fronte un periodo difficile: la pandemia che sembra non finire mai, il rialzo dei prezzi e dei tassi dei mutui, il crollo del potere d’acquisto. Hanno diritto a essere presi sul serio, e più ancora a non essere presi in giro.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT