martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
10.07.2022 Nella Russia di Putin parlare di guerra è un crimine
Commento di Marco Imarisio

Testata: Corriere della Sera
Data: 10 luglio 2022
Pagina: 24
Autore: Marco Imarisio
Titolo: «Nella Russia di Putin parlare di guerra è peggio di uno stupro»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 10/07/2022, a pag.24, con il titolo "Nella Russia di Putin parlare di guerra è peggio di uno stupro", il commento di Marco Imarisio.

Immagine correlata
Marco Imarisio

Liberata la regione di Kiev. Strage di civili a Bucha, «300 in fosse comuni»

La Russia sta diventando un Paese dove chiamare le cose con il loro nome è diventato un reato più grave della violenza carnale o dell’omicidio. Venerdì scorso, il tribunale distrettuale di Mosca ha condannato il consigliere municipale Alexej Gorinov a sette anni di carcere duro per avere propagato «false informazioni» sull’esercito, definendo «una guerra» la cosiddetta Operazione militare speciale. Un anno in più del massimo della pena previsto per i colpevoli di stupro. O per un assassino al quale vengano concesse le attenuanti generiche. Adesso che c’è una prima volta, tutto appare ancora più assurdo. L’applicazione della nuova legge sulla censura, approvata lo scorso marzo dalla Duma, in fretta e furia e all’unanimità, 411 voti favorevoli a zero, rivela la brutalità di un sistema costruito per reprimere ogni forma di dissenso. Accadde all’inizio di aprile. Il Consiglio di Mosca era riunito per discutere la proposta della maggioranza che prevedeva l’istituzione di una gara di disegno tra tutti i bambini delle scuole elementari e di un nuovo Festival di danza. Gorinov, che nella vita fa l’avvocato, chiese la parola.

The Crisis in Ukraine Has Disturbing Echoes of the 1930s | Time
Un fotomontaggio

«Gli sforzi dell’intera società russa, della quale noi facciamo parte, dovrebbero essere mirati a fermare la guerra e a far ritirare le nostre truppe dal territorio dell’Ucraina». Disse questo, e tre giorni dopo fu arrestato. La sua collega Elena Kotenochkina, che l’aveva spalleggiato in aula, è da quel giorno latitante all’estero. La parola guerra non esiste. È scomparsa da ogni servizio televisivo, da ogni discorso, obbligando i principali esponenti del potere russo a discrete contorsioni verbali. A volte, i sinonimi finiscono. Anche per Vladimir Putin, che nel suo recente discorso al Parlamento ha usato quel termine proibito per ben due volte. Certo, non era riferito direttamente all’Ucraina. Ma non lo aveva mai fatto. Solo i pochi media indipendenti ancora su piazza hanno rilevato questo inedito cedimento semantico. Non si tratta di una semplice questione lessicale, come appare ben evidente. Ci sono almeno cinquanta persone nella condizione di Gorinov, in attesa di un giudizio scontato e severo. Almeno altre duemila hanno ricevuto pene minori per aver reso pubblica la loro contrarietà alla cosiddetta Operazione militare speciale, che più passa il tempo e più diventa permanente, come dimostrano i provvedimenti presi di recente dal Cremlino per aumentare il numero delle persone arruolabili nell’esercito. Alla lettura della sentenza, Gorinov ha mostrato un cartello sul quale era scritto «Vi serve ancora questa guerra?». Chissà cose ne pensano i difensori nostrani di Putin.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT