venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
13.06.2022 Donbass: i russi avanzano
Cronaca di Lorenzo Cremonesi

Testata: Corriere della Sera
Data: 13 giugno 2022
Pagina: 18
Autore: Lorenzo Cremonesi
Titolo: «Brucia la fabbrica-rifugio. Gli Usa: i russi sfondano in 7 giorni»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 13/06/2022, a pag.18, con il titolo "Brucia la fabbrica-rifugio. Gli Usa: i russi sfondano in 7 giorni" l'analisi di Lorenzo Cremonesi.

Immagine correlata
Lorenzo Cremonesi

Russia-Ukraine war: List of key events, day 104 | Russia-Ukraine war News |  Al Jazeera

«Il 99 per cento dei nostri caduti è stato colpito da missili e soprattutto bombe di cannone contro i quali non possediamo armi per difenderci. La nostra unica risposta è restare nelle trincee, sperare di non essere investiti direttamente dai proiettili e attendere l’avanzata dei tank russi assieme alla fanteria, quando finalmente arrivano a tiro allora sì che noi siamo molto più forti. Ma intanto metà della nostra unità è ricoverata all’ospedale o in convalescenza», ci racconta Alexander Butenko, soldato trentenne della 120esima brigata impiegata sul fronte del Donbass a cercare di fermare l’esercito russo in avanzata dalla regione separatista filorussa del Lugansk. Lo incontriamo durante una rara pausa in un caffè di Sloviansk, una decina di chilometri dalla sua trincea. Due ore dopo è già in partenza e le sue parole tornano a rivelare il dramma dei soldati ucraini oggi in grande difficoltà sotto i continui bombardamenti pesanti del nemico.

Four ways the war in Ukraine might end - Atlantic Council

L’altra notte Volodymyr Zelensky ha pronunciato parole di incoraggiamento alle truppe. «Nel 108° giorno di guerra noi continuiamo a resistere contro i piani di Putin che voleva una vittoria veloce prima a Kiev e poi nel Donbass», ha ribadito il presidente. Eppure, proprio nel Donbass la situazione si fa sempre più critica per le forze ucraine. I russi avanzano molto piano, però avanzano. Secondo statunitensi e britannici, la caduta della città di Severodonetsk nelle mani dei russi è ormai solo una questione di pochi giorni e ciò potrebbe aprire alla battaglia per Lysychansk con la prospettiva della cattura dell’intera regione del Lugansk in tempi abbastanza brevi, anche una settimana. A quel punto inizierebbe in modo massiccio la sfida per la regione di Donetsk, che nei piani di Putin dovrebbe portare le sue truppe sui confini dell’intera provincia del Donbass a completamento delle vittorie russe del 2014. Ma la situazione resta estremamente fluida e gli ucraini continuano a sperare negli aiuti militari occidentali, specie americani e britannici, per contrastare le armi pesanti di Mosca. Ieri le bombe russe hanno incendiato il gigantesco impianto chimico della Azot, alla periferia di Severodonetsk, dove sembra siano rifugiati circa 800 civili oltre ad alcune migliaia di soldati ucraini. Un assedio che ricorda da vicino quello dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, dove il 20 maggio si arresero gli ultimi combattenti dopo una sfida epica. I russi affermano che l’Azot è ormai isolata. Secondo il governatore ucraino del Lugansk, Serhiy Gaidai, uno dei tre ponti che collegano la città alle linee ucraine sarebbe tuttavia ancora in piedi, sebbene continuamente sotto tiro. I missili russi avrebbero inoltre parzialmente distrutto un deposito di missili anti-tank inviati da Usa ed Ue a Chorktiv, nella regione occidentale di Ternopil. E altri missili hanno distrutto pare 300.000 tonnellate di grano contenuto nei silos a Mykolaiv: l’ennesima prova della strategia russa volta a mettere in ginocchio anche l’economia e le infrastrutture civili ucraine.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT