mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
18.03.2022 L'Ucraina resiste agli invasori
Cronaca di Lorenzo Cremonesi

Testata: Corriere della Sera
Data: 18 marzo 2022
Pagina: 5
Autore: Lorenzo Cremonesi
Titolo: «'Mai neutrali: lotta partigiana'»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 18/03/2022, a pag.5, con il titolo "Mai neutrali: lotta partigiana" la cronaca di Lorenzo Cremonesi.

Immagine correlata
Lorenzo Cremonesi

I russi hanno bombardato i cittadini rifugiati al Dramatic Theatre di  Mariupol
Il teatro di Mariupol

Questa volta i rottami del missile russo centrato dalla contraerea ucraina sono caduti sui palazzi in ordine sparso, creando distruzioni più vaste ma meno gravi di quelle degli ultimi giorni nel resto della città:Non un focolaio d'incendio con decine di appartamenti totalmente devastati, bensì centinaia e centinaia di finestre e infissi andati in frantumi. Ieri mattina i dipendenti della municipalità di Kiev donavano interi rotoli di cellophane ai cittadini che avevano fretta di riparare in qualche modo le loro abitazioni e bloccare il freddo intenso dell'inverno nel quartiere di Darnytskyi. Gli ospedali parlavano di un morto, tre feriti gravi, decine leggeri, oltre a 35 civili evacuati. Come già nei giorni scorsi, il fatto che tanti siano sfollati e i rimanenti dormano nei rifugi ha evitato una strage. A Kiev da una settimana ormai la notte si odono con apprensione le sirene dell'allarme, quindi, arrivano i rombi delle esplosioni e verso metà mattina i social forniscono i dettagli degli ultimi attacchi russi. Con una differenza rilevante rispetto ai bombardamenti indiscriminati sui civili in altre parti del Paese, compresi i villaggi appena fuori dalle periferie della capitale. «I russi per ora cercano di sparare agli obbiettivi militari nel centro urbano. Ma chiaramente hanno missili poco sofisticati e personale addestrato male, oltretutto i nostri razzi terra-aria cercano di intercettarli. Così, colpiscono a casaccio le aree civili», ci spiega il capo della polizia per la regione di Kiev, Andrij Nebytov. Tutto diverso, per esempio, dai bombardamenti mirati sulle aree del centro di Chernihiv, un centinaio di chilometri a Nord, dove nelle ultime 48 ore sono morte una sessantina di persone e tra loro anche un cittadino americano. La reazione dura della popolazione contro Putin e il suo esercito è comunque garantita: ogni allarme, ogni attacco, ogni bomba, ogni vittima non fanno che fomentare rabbia e desiderio di vendetta. «Putin sperava di raccogliere consensi? E un criminale, un pazzo pericoloso, sta ottenendo l'effetto esattamente opposto. Dovete fermarlo, dovete aiutarci. Putin deve sapere che qui non ci sono nazisti, come lui invece assurdamente proclama, bensì civili che amano la pace. Ma adesso l'Europa e la Nato devono aiutarci a eliminarlo e ridurlo in condizione di non minacciare più la pace mondiale», sostiene piangendo la 60enne Lida, che vive in uno dei palazzi danneggiati e lavora nel supermercato del quartiere. Parlando con questa gente viene da chiedersi come potrà mai essere «neutrale» l'Ucraina del futuro che Putin vorrebbe in cambio della fine dell'aggressione. E ciò per il fatto che ora anche quei settori della popolazione che sino a un mese fa erano legati alla Russia per motivi etnici, culturali, famigliari o religiosi, sono diventati profondamente nazionalisti e decisi a difendere l'identità dell'Ucraina indipendente e legata ai valori dell'Occidente democratico. «Per ironia della sorte, tanti abitanti degli appartamenti colpiti oggi da Putin sono d'origine russa. Noi stessi siamo russi Mia zia Taissia vive a San Pietroburgo. Una parte della famiglia di mio marito risiede a Mosca. Prima del 24 febbraio ci parlavamo quotidianamente al telefono. Ma ora non posso più ascoltare i loro discorsi, è chiaro che hanno paura della loro polizia, o subiscono il lavaggio del cervello per i media censurati», dice la 42enne Oxana. La sua vicina di casa Tatiana aggiunge: «Putin sta devastando Mariupol, Kharkiv, minaccia Odessa, che erano le città più filorusse dell'Ucraina e stanno dando l'esempio della nostra guerra partigiana del futuro».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT