mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
15.03.2022 Ramzan Kadyrov, il 'macellaio' ceceno fedelissimo di Putin
Commento di Guido Olimpio

Testata: Corriere della Sera
Data: 15 marzo 2022
Pagina: 7
Autore: Guido Olimpio
Titolo: «Il 'macellaio' ceceno arriva al fronte»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 15/03/2022, a pag. 7, con il titolo "Il 'macellaio' ceceno arriva al fronte" il commento di Guido Olimpio.

Immagine correlata
Guido Olimpio

Ramzan Kadyrov: arrivano le minacce del fedelissimo di Putin - MAM-e
Ramzan Kadyrov

Ramzan Kadyrov è a suo agio tra i morti e lo è ancora di più al fianco di Vladimir Putin. Dunque è possibile che il dittatore ceceno sia arrivato sul campo di battaglia per coordinare il suo contingente in Ucraina. Il leader è apparso in un video sul canale Telegram nelle vesti di condottiero. Indossa la mimetica, forse gli scarponcini di una marca della gran moda italiana, pronto a discutere le prossime mosse con i comandanti delle unità schierate nella zona di Hostomel. «L'altro giorno eravamo a circa 20 chilometri da voi nazisti, ora siamo ancora più vicino», ha affermato esortando i nemici ad arrendersi o «vi finiremo». Parole di un personaggio brutale, sanguinario, fedele esecutore degli ordini dello zar. Per ora non ci sono conferme sulla sua presenza mentre il Cremlino ha preferito affermare di non avere informazioni. Frase che lascia aperta ogni ipotesi attorno ad una figura che ama essere al centro dell'attenzione, non teme gli eccessi, buono per tutte le stagioni del Cremlino. La breve sortita sul web, infatti, rappresenta una doppia veste, operativa e propagandistica. La prima legata alla pressione delle forze russe in direzione della capitale. La seconda serve a dare spinta ai soldati dopo le perdite subite nelle scorse settimane. Un binario sul quale si è incamminato Kadyrov, sempre pronto «a difendere gli interessi della Russia», che poi sono anche i suoi.

L'adunata in piazza
All'inizio dell'operazione speciale il presidente ha presenziato ad un'adunata di piazza con centinaia di miliziani, i «kadyrovtsky», uno show per accompagnare la notizia dell'invio di io mila uomini al fianco dell'Armata. Un'avanguardia. Perché, come ha tuonato lui stesso, ne sono pronti 70 mila. Proclami seguiti dalle immagini di una colonna di militari ripresa sul terreno dopo l'invasione, sempre a confermare un impegno diretto non privo di sorprese. Un reparto ha avuto decine di morti, colpito dal raid di droni TB2 (produzione turca) e dall'attacco delle forze speciali locali. Tra le vittime degli ufficiali. Rovescio negato su tutta la linea dal regime filorusso. Abbiamo avuto solo due caduti, ha replicato il despota, cercando di minimizzare l'impatto. Ma era ormai molto tempo fa, la battaglia nella regione di Hostomel si è fatta poi più intensa, con danni per tutti. Kadyrov, come sembrano rivelare alcuni messaggi audio passati alla Bbc, era tra i pochi ad essere informato da mesi su quanto sarebbe avvenuto. Nei dialoghi — di difficile autentificazione — il numero uno discute con un suo ufficiale dei preparativi di guerra, dei target, dei timori di reazioni negative tra i ranghi. Ci sono riferimenti espliciti a riunioni svoltesi con i russi per il coordinamento. Un coinvolgimento che si rispecchia nel supporto continuo da Grozny a Mosca. Come ha sottolineato Neil Hauer, la Cecenia rappresenta uno schema che il Cremlino vorrebbe riprodurre — pur tenendo conto delle differenze — in terra ucraina. Inoltre i miliziani hanno partecipato al decisivo intervento In Siria, prendendo parte prima agli scontri, per poi svolgere compiti di polizia militare. Ruolo che potrebbero ricoprire una volta conquistati i grandi centri. Magari dovranno anche vedersela con i ceceni alleati dell'Ucraina, accorsi in passato come altri stranieri a fronteggiare i filorussi. E sempre Hauer a ricordare la presenza di due formazioni ostili a Mosca, il Battaglione Sheikh Mansour e il Battaglione Dudayev, il cui leader Adam Osmaev ha subito un attentato a Kiev nel 2017 dove è morta la moglie. La coppia aveva partecipato al conflitto nel Donbass. Gli agguati sono l'altra specialità di Kadyrov, non pochi oppositori sono stati liquidati all'estero. Un suo team sarebbe stato incaricato di eliminare il presidente ucraino Volodymyr Zelesnky e catturare altri dirigenti. Si è anche detto che gli agenti avessero mazzi di carte raffiguranti i ricercati, un'imitazione di quanto fatto dagli americani quando davano la caccia ai collaboratori più stretti di Saddam Hussein in Iraq. Forse la vicenda del piano segreto è solo una «voce», la sostanza non cambia: quando Mosca chiama il despota esegue.

I «volontari» siriani
Più tortuoso il caso dei «volontari» siriani, una componente sulla quale girano notizie non verificabili. Un report ne segnala 400 nella regione di Rostov, la tv russa invece ha mostrato l'arruolamento in Cecenia, una repubblica che fa parte della Federazione Russa. La superficie è di 17.647 chilometri quadrati Siria, area di Deir ez Zour, un'operazione gestita da Husam Qaterji, un gerarca piuttosto influente. Fino a qualche giorno fa fonti statunitensi avevano mostrato cautela sull'afflusso massiccio dei mercenari arabi mentre gli analisti sembravano non troppo convinti, ritenendo che Mosca non ne avrebbe bisogno e che sarebbe persino controproducente. Se arriveranno sul serio non ci vorrà molto tempo per scoprirlo.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT