mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
15.03.2022 Raphaël Glucksmann: 'L'Europa oggi si difende in Ucraina'
Lo intervista Stefano Montefiori

Testata: Corriere della Sera
Data: 15 marzo 2022
Pagina: 19
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «'Aiuti agli aggrediti o l'Europa non conoscerà mai più la pace'»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 15/03/2022, a pag.19, con il titolo 'Aiuti agli aggrediti o l'Europa non conoscerà mai più la pace' l'intervista di Stefano Montefiori.

Risultati immagini per stefano montefiori corriere della sera
Stefano Montefiori

Raphaël Glucksmann: “L'arroganza di Macron ha appiccato l'incendio dei  gilet gialli” - la Repubblica
Raphaël Glucksmann

Raphaël Glucksmann, da anni in qualità dl intellettuale e di deputato europeo di sinistra lei denuncia le mire del Cremlino, e oggi vede con favore l'aiuto occidentale all'Ucraina. Perché fornire armi agli ucraini secondo lei è giusto? Ed è anche ragionevole? «Perché anche io, come tutti, voglio la pace. E il solo modo di ottenerla è aiutare gli aggrediti, in modo che gli aggressori ricevano un colpo sufficiente a costringerli al negoziato. Invocare la pace non basta. E necessario anche opporsi a quelli che scatenano la guerra. Sei russi domani smettono di combattere, la guerra finisce. Se gli ucraini domani smettono di combattere, l'Ucraina finisce, e dopo l'Ucraina toccherà ad altri Paesi. Alla tv russa già si dibatte dei possibili futuri attacchi ai Paesi Baltici e alla Svezia. Non saranno certo le generiche invocazioni alla pace a fermare Putin».

Inviare armi è un passo in più verso l'escalation? «Secondo la carta dell'Onu è pienamente legittimo aiutare un Paese che è stato invaso da un altro senza alcuna giustificazione, e questo non dà affatto all'Europa lo status di co-belligerante. Poi non stiamo inviando truppe, certamente non possiamo rischiare un confronto nucleare con la Russia. Ma il nostro dovere è fare il possibile, cioè aiutare quelli che non hanno altra scelta se non difendersi».

È possibile che proprio le perdite subite dalla Russia e la lentezza della loro avanzata consiglino a Putin di trovare una soluzione negoziale? Certe aperture delle ultime ore derivano da questo? «E la grande sorpresa di tutta questa vicenda. Putin pensava di instaurare il suo governo fantoccio a Kiev in 72 ore, nessuno aveva previsto una simile resistenza degli ucraini. Se l'Europa si sta risvegliando è grazie alla resistenza di gente che non ha mai voluto questa guerra, uomini e donne che pensavano alle loro case, ai loro lavori e ai loro bambini, e hanno dovuto imbracciare il mitra perché un tiranno bombardava le loro case. Se non li aiutiamo, l'Europa non conoscerà più la pace. Dopo la Cecenia c'è stata la Georgia, poi la Siria, adesso l'Ucraina, presto toccherà ad altri».

Molti in Italia pur non giustificando l'invasione chiedono di comprendere le ragioni della Russia, che sarebbe stata provocata dalla Nato. «E una totale falsità. Proprio per non essere accusata di provocare la Russia, dal 2008 la posizione della Nato è di rifiutare l'adesione di Georgia e Ucraina. I missili nucleari Nato in Ucraina sono pura propaganda del Cremlino. L'Ucraina non stava affatto entrando nella Nato, e quelli che nel 2014 sono morti uccisi dalla repressione in piazza Maidan avevano in mano la bandiera dell'Unione Europea, non quella della Nato. L'unica colpa dell'Ucraina è voler essere un Paese libero».

Altro argomento ricorrente di chi frena sugli aiuti a Kiev è la presenza dell'estrema destra in Ucraina. «Lo trovo stupefacente. In Ucraina si tengono libere elezioni, dove l'estrema destra raccoglie tra il 3 e il 5 per cento, non di più. Chiediamoci adesso quali sono le percentuali dell'estrema destra in Francia, e anche in Italia. Comincio a trovare curioso questo atteggiamento intellettuale».

A che cosa si riferisce? «Al fatto che a un certo punto diventa faticoso sopportare la retorica dei pappagalli del Cremlino, di quelli che anche in Europa ripetono pigramente, a dispetto di ogni logica e della realtà dei fatti, la propaganda di Putin».

Tregua subito
Il cancelliere tedesco Scholz, Putin, Macron

Perché secondo lei? Resiste un antiamericanismo che fa guardare a Mosca con indulgenza, anche se la cleptocrazia ha sostituito l'Urss? «Credo piuttosto che sia l'istinto di proteggere il proprio piccolo confort. Come diceva Romain Gary, se nel 1940 le élite francesi non hanno seguito il generale De Gaulle a Londra non è mica perché erano tutti petenisti, è perché amavano troppo i loro mobili! E poi c'è il vezzo diffuso di prendere una posizione apparentemente nobile, controcorrente, che fa sentire più intelligenti e profondi. Molto narcisismo».

C'è chi denuncia un clima semplificatorio, che annullerebbe la complessità delle analisi. «Questi pseudo aristocratici del pensiero contemplano le case in fiamme dell'Ucraina senza riuscire a pronunciare una parola di solidarietà. E io sono in collera contro questa parte della sinistra europea che si crogiola nella compiacenza verso il tiranno e nell'invocazione di parole vuote, che permettono di sfuggire al dovere di assistere chi è aggredito. Sono i degni eredi di quelli che nel 1936 non volevano aiutare i repubblicani spagnoli "per non aggiungere guerra alla guerra", dicevano. Ma quella non è pace, è approvare il trionfo di chi fa la guerra».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT