lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
05.03.2022 Vladimir Milov: 'Spero in una reazione del popolo russo'
Lo intervista Irene Soave

Testata: Corriere della Sera
Data: 05 marzo 2022
Pagina: 23
Autore: Irene Soave
Titolo: «'Spero nel popolo Navalny invita alla piazza e i segnali ci sono'»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 05/03/2022, a pag.23, con il titolo ''Spero nel popolo Navalny invita alla piazza e i segnali ci sono' " l'intervista di Irene Soave.

Ucraina, il dissidente Milov:
Vladimir Milov

“La Russia non taglierà il gas quarto a r all'Europa. Un quarto del suo Pil viene dall'export di energia. Il ricatto è più sottile: sta anche nel far credere che al suo gas non ci siano alternative». L'economista Vladimir Milov, a Milano ospite del Parlamento europeo, che ha inaugurato con lui fina mostra dedicata al Premio Sakharov, di gas si è occupato da viceministro dell'Energia: un incarico del 2002, «che lasciai perché le liberalizzazioni erano impossibili». Dopo, una vita da oppositore: Milov è da anni tra i più stretti consiglieri di Aleksej Navalny. Prima, «sei anni da consulente del governo. Putin era già presidente, ma ancora vegetariano».

Cioè? «Il suo approccio al potere era meno feroce. Non si immischiava nel governo. Ha iniziato a farlo proprio dal gas, con una frase fatidica: "Non divideremo mai Gazprom". Quando è salito al potere il petrolio costava poco. Quando ha iniziato ad arrivare vicino ai 50 dollari al barile (oggi l'Ural è sui 95 dollari al barile, 95 per il Brent, ndr) il potere si è ingolosito, e ora potere ed energia sono inseparabili».

L'Ue importa dalla Russia il 40% del gas. Perché Putin non ha ancora annunciato un taglio delle forniture? «Non si muove così. Preferisce dividervi. Non dirà mai "taglio il gas all'Italia". La linea è: chi si comporta bene con la Russia avrà il gas, e a buon prezzo. A patto di fare gli interessi russi nel suo Paese, per esempio propalando questa narrativa binaria, "o con Putin o al freddo". Le aziende energetiche in Europa lo fanno. Quando i governi europei iniziano a chiedersi come arginare Putin, ecco i loro lobbisti: "Attenzione, ci chiude il gas". La politica, impreparata, li ascolta».

Gli effetti di questa guerra sulle bollette, però, in Europa si sentono. «La Russia ha ridotto la fornitura di gas all'Europa, limitandosi ai minimi stabiliti per contratto. Questa riduzione ha contribuito alla crisi dei prezzi».

E I governi occidentali potrebbero decidere di non acquistare più energia dalla Russia? «Si possono mantenere le forniture ai minimi, come questo inverno: non siete mica congelati. O comprare, dalla Russia, solo una parte del gas. Non comprando più Lng (gas naturale liquefatto, ndr), per esempio. Ne importate già poco, ma a loro fa un danno. Ci sono altri venditori. Gli Stati Uniti, l'Australia. Dalla vostra politica dovete pretendere politici più competenti in fatto di energia. O meglio consigliati».

Nord Stream 2 è già in bancarotta. È l'impatto delle sanzioni? «La Russia ha un nuovo export: metallo per sfasciacarrozze! (ride). Alcune banche non lavorano più con i russi devastando le mediazioni sull'energia. Lo spread tra Ural e Brent è alle stelle».

Una parte dell'élite infatti sembra scontenta. Si pensi alla «ribellione» di alcuni oligarchi. Saranno loro a destituire Putin? «Quasi impossibile. Da vent'anni allontana chiunque non sia più che innocuo. E sono tutti guardati a vista dai servizi segreti, persino più di noi oppositori. Se si incontrassero anche solo in due, per parlarsi, lui lo saprebbe subito. Ho più speranza nell'opposizione popolare».

La repressione è dura. «Sì ma tante persone sono stufe. L'opposizione si era quasi rassegnata dopo l'arresto di Navalny, È stata rinvigorita dalla guerra. II supporto al governo è ai minimi storici e ne vedo molti segnali. Gli abbonati al mio canale YouTube e a quello di Navalny sono schizzati alle stelle».

Alle recenti elezioni parlamentari il partito dl governo ha avuto la maggioranza. «Si è visto invece che Russia unita non l'ha più, la maggioranza. Gli osservatori hanno rilevato un livello di brogli senza precedenti. In Russia ci sono circa 96 mila seggi. I risultati in quelli monitorati dagli osservatori sono, in media: 3o per cento di affluenza, e un 30-40% di questi voti a loro. Nei seggi non monitorati: 99% di affluenza, voti tutti a loro. Secondo questo calcolo, senza brogli, Putin avrebbe 200 parlamentari: niente maggioranza».

Come sta Navalny? «E un coraggioso e sapeva a cosa andava incontro. Ora gli è stata restituita la possibilità di parlare, e invita tutti a manifestare. Ma è comunque nelle mani di Putin, ogni cosa può essergli tolta, in ogni momento possono trasferirlo in un carcere duro».

Le sue condizioni dl salute come sono? «Sta meglio di un anno fa, si è anche abituato alla situazione. Ma gli sono negati controlli medici indipendenti. Chi è sopravvissuto a un avvelenamento da Novichok, come Sergej Skripal e pochissimi altri, ha avuto grandi danni a lungo termine. Siamo preoccupati».

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT