mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
05.03.2022 Karim Khan e i crimini di Putin
Commento di Paolo Lepri

Testata: Corriere della Sera
Data: 05 marzo 2022
Pagina: 39
Autore: Paolo Lepri
Titolo: «Karim Khan e i crimini di Putin»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 05/03/2022, a pag. 39, con il titolo "Karim Khan e i crimini di Putin", il commento di Paolo Lepri.

Immagine correlata
Paolo Lepri

Mr Karim Asad Ahmad Khan QC sworn in today as the Prosecutor of the  International Criminal Court
Karim Khan

Le speranze di vedere un giorno Vladimir Putin sul banco degli imputati sono affidate anche alla determinazione del procuratore della Corte penale internazionale, il giurista e avvocato britannico Kharim Khan, che ha avviato un'indagine sui crimini di guerra e contro l'umanità commessi in Ucraina. Non è uno scenario irrealizzabile, nonostante tutte le difficoltà — politiche e giuridiche - che ostacolano l'azione del tribunale nato con lo Statuto di Roma del 1998. Ne fanno parte 123 Paesi: grandi assenti Stati Uniti, Cina, Russia, India e Israele. Trentanove membri, tra cui l'Italia, hanno sottoscritto nei giorni scorsi la «procedura di attivazione» sulla base di quanto sta avvenendo dopo l'avvio dell'«operazione militare speciale» del Cremlino. Un passo significativo, ma la strada è ancora molto lunga. «ll mondo sta guardando: dobbiamo risuscitare la verità», ha detto alla Cnn Khan, 51 anni, nipote adottivo del primo ministro degli esteri del Paldstan, Muhammad Zafarullah Khan. Si è insediato nel giugno scorso, dopo essere stato eletto a scrutinio segreto con una maggioranza esigua e non senza qualche polemica (causata soprattutto dall'aver difeso, proprio all'Aja, il vicepresidente del Kenya William Ruto e San al-Islam Gheddafí, figlio del leader libico). Ma ora conviene guardare avanti. L'esperienza che ha maturato sia sul campo della giustizia internazionale sia alle Nazioni Unite sarà preziosa per affrontare un compito tanto impegnativo. II lavoro dei giusti sta iniziando, insomma, nel «grande complesso di vetro annidato tra le dune ai margini della città» che Katie Kitamura descrive così nel suo splendido thriller esistenziale, Tra le nostre parole, in cui la protagonista è un interprete della Corte Penale Internazionale. Poi, esaurite le parole, dovrà venire il momento delle accuse e delle condanne. Attenzione, però, niente è scontato. Lo fa capire l'appello che Khan ha rivolto ai Paesi membri per un sostegno finanziario volontario aggiuntivo. «L'importanza e l'urgenza della nostra missione — ha spiegato -e troppo seria per essere tenuta in ostaggio dalla mancanza di mezzi». Speriamo che venga ascoltato.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT