lunedi` 15 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
20.02.2022 Ucraina, Zelensky: 'Sul Donbass si difende l'Europa'
Cronaca di Giuseppe Sarcina

Testata: Corriere della Sera
Data: 20 febbraio 2022
Pagina: 2
Autore: Giuseppe Sarcina
Titolo: «Zelensky scuote l'Occidente: 'Noi scudo d'Europa, aiutateci'»
Riportiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 20/02/2022, a pag. 2, con il titolo "Zelensky scuote l'Occidente: 'Noi scudo d'Europa, aiutateci' " la cronaca di Giuseppe Sarcina.

Risultati immagini per giuseppe sarcina corriere della sera
Giuseppe Sarcina

Pandora Papers, Volodymyr Zelensky presidente dell'Ucraina. Società anonime  per la compravendita di film e show tv - L'Espresso
Volodymyr Zelensky

«Che cosa state aspettando»? Le immagini mostrano Volodymyr Zelensky ritto sul podio della Conferenza per la sicurezza a Monaco. E un momento cruciale per l'Europa e per il mondo. Il presidente dell'Ucraina ha appena finito di ringraziare i «Paesi occidentali». Ma, dice, «dovete fare di più: aiutateci, noi siamo l'ultimo scudo dell'Europa per fermare l'esercito russo». E ancora: «Dovete applicare adesso le sanzioni contro Mosca, non aspettare che Vladimir Putin invada l'Ucraina, distruggendone l'economia». Zelensky non viene dalla politica o dalla diplomazia. E si vede. Oscilla tra questo appello di fatto prebellico e un rude avvertimento agli europei: «Non concludete accordi con la Russia alle nostre spalle». Fino a concludere con un invito a Putin: «Non so che cosa voglia il presidente russo. E allora gli chiedo: vediamoci e risolviamo questa crisi». Zelensky ha incontrato la vice presidente americana Kamala Harris, un gruppo di parlamentari americani e il cancelliere tedesco Olaf Scholz. La sortita del presidente ucraino tocca le tre questioni al centro del confronto riservato tra gli alleati. La priWang YI ministro degli Esteri cinese ma: Emmanuel Macron e Scholz pensano a uno schema d'accordo che escluda l'adesione dell'Ucraina alla Nato per un lungo periodo. Una prospettiva che non entusiasma gli americani, ma che potrebbero digerire, a patto che Zelensky sia d'accordo. Il leader ucraino, però, almeno per ora, lo esclude. Secondo tema: le sanzioni. L'idea di misure preventive è condivisa da alcuni consiglieri della Casa Bianca e da una larga fascia del Congresso. Ma è stata respinta nettamente da Francia, Germania e Italia. A questo punto la linea è definita, come ha spiegato Harris a Monaco: «Gli Stati Uniti, gli alleati e i partner imporranno sanzioni mai viste sull'economia russa, sull'export, sulla finanza, sulle industrie chiave. Colpiremo anche i complici dell'invasione (un avvertimento alla Bielorussia, ndr)». Resta in sospeso, dunque, il blocco delle forniture di gas. A Washington hanno preso nota, tra l'altro, della resistenza della Germania e della dichiarazione di Mario Draghi: «Le sanzioni devono essere efficaci e sostenibili e l'Italia ha solo il gas». Terzo punto: le probabili mosse di Putin. Dal palco Harris ha avvertito: «La Russia dice di essere pronta a negoziare. Ma i fatti non corrispondono alle parole». Nell'amministrazione Biden cresce la convinzione che Putin voglia insediare un governo filo russo a Kiev, spazzando via Zelensky. In ogni caso, le informazioni dell'intelligence americana hanno convinto anche i riluttanti Macron e Scholz. I due hanno chiesto ai cittadini francesi e tedeschi di lasciare l'Ucraina. Lufthansa e la controllata Swiss Air sospenderanno i voli per Kiev e Odessa a partire da domani e almeno fino al 28 . L'allarme è generale, basta leggere il comunicato diffuso dal G7 dei ministri degli Esteri, riunito sempre a Monaco. Perfino la Cina sembra più preoccupata. Finora Xi Jinping ha spalleggiato Putin su tutta la linea. Ieri, però, il ministro degli esteri Wang Yi, in collegamento con Monaco, ha sottolineato: «La sovranità, l'indipendenza e l'integrità territoriale vanno sempre garantite; l'Ucraina non è un'eccezione».

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT