domenica 07 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
01.02.2022 Gossip da casa Bennett
Commento di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 01 febbraio 2022
Pagina: 15
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Israele, i vicini di casa contro il premier Bennett»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 01/02/2022, a pag.15, con il titolo "Israele, i vicini di casa contro il premier Bennett" il commento di Davide Frattini.

Che interesse ha l'articolo di Davide Frattini su un giornale che non sia di pettegolezzi? Come spesso capita, il giornalista costruisce un articolo interamente su gossip di scarso interesse...

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Naftali Bennett - Wikipedia
Naftali Bennett

Sei giornali, sei interviste. L'Iran, la nuova destra, il rapporto (burrascoso) con Benjamin Netanyahu, l'emergenza Covid che non finisce, le prospettive per il suo governo dopo sette mesi e mezzo. Venerdì mattina gli abitanti dell'incrocio tra via Ahad Ha'am e via Tsifman hanno sfogliato le edizioni del fine settimana e non hanno trovato l'unica notizia che stavano cercando. O meglio: hanno letto la conferma di quello che temevano. Così hanno alzato gli occhi al cielo e alle telecamere che ormai ramificano dagli alberi sui vialetti, si sono preparati a uscire muniti di carta d'identità e pazienza. Perché da queste parti vive Naftali Bennett e da quando è diventato primo ministro la tranquillità del quartiere a Ra'anana è stata spezzata dalle barriere di metallo tirate su dai servizi segreti, il buio della notte illuminato dai fari sempre accesi sulle villette. Ia situazione avrebbe dovuto essere temporanea. Bennett aveva assicurato di stare aspettando la fine dei la voci nella residenza a Gerusalemme, dove i Netanyahu hanno vissuto per una dozzina d'anni. In pochi ci credevano e dalle interviste è arrivato il riscontro: il primo ministro ha intenzione di passare nelle stanze ufficiali al massimo 2-3 giorni alla settimana. Da solo. La moglie Gilat, chef pasticciera, non ha nessuna voglia di assumere il ruolo di first lady. E il premier — pur da rapo del partito che difende le colonie costruite in Cisgiordania tra i palestinesi — ha sempre amato questa cittadina a nord di Tel Aviv dove gran parte della popolazione è composta da immigrati anglofoni (come i suoi genitori) e imprenditori dell'hi-tech (non tutti milionari come lui). Con i Bennett restano i muri anti-esplosivo: l'opposizione calcola che il sistema di sicurezza allestito nella zona è costato almeno 4,5 milioni di dollari. I vicini si sono rivolti alla Corte Suprema, chiedono di imporre alla famiglia il trasloco in via Balfour «come è tradizione per il primo ministro da oltre 70 anni» Denunciano di essere diventati «prigionieri» in casa propria, costretti a comunicare in anticipo agli agenti i nomi di qualunque ospite debba andare a trovarli. Il sindaco Chaim Broyde sostiene la campagna e fa notare che da Gerusalemme si sono spostate a Ra'anana anche le proteste settimanali contro il primo ministro. A parti invertite: adesso sono i sostenitori di Netanyahu a darsi appuntamento con i campanacci, le sirene, gli slogan urlati al megafono per rovinare le cene del sabato sera a Bennett. E a tutto il quartiere.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT