mercoledi` 29 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
03.01.2022 Macron: la bandiera europea al posto dei Tricolore
Cronaca di Stefano Montefiori

Testata: Corriere della Sera
Data: 03 gennaio 2022
Pagina: 13
Autore: Stefano Montefiori
Titolo: «Macron: la bandiera europea al posto dei Tricolore»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 03/01/2022, a pag.13, con il titolo "Macron: la bandiera europea al posto dei Tricolore", la cronaca di Stefano Montefiori.

Risultati immagini per stefano montefiori corriere della sera
Stefano Montefiori

Parigi, perché l'arco di Trionfo viene impacchettato?
L'Arco di Trionfo

La bandiera europea sotto l'Arco di Trionfo è stata già ammainata, la prima polemica dell'anno è durata poche ore, sufficienti comunque a mostrare quanto la campagna elettorale francese si giocherà sui simboli e quanto l'Europa sia diventata — suo malgrado — uno strumento nella corsa all'Eliseo. Dal primo gennaio 2022 tocca alla Francia assicurare la presidenza a turno semestrale del Consiglio dell'Unione Europea, e il capo dello Stato Emmanuel Macron sembra deciso a usare questa circostanza per rilanciare l'integrazione e fondare una vera «sovranità europea», in coerenza con la politica che ha sempre sostenuto in questi anni fin dalla sera della vittoria, il 7 maggio 2017, quando volle attraversare il cortile del Louvre sulle notte dell'Ode alla Gioia di Beethoven, l'inno europeo. Dopo che la Brexit ha scombussolato il calendario delle presidenze europee, la Repubblica Ceca si era resa disponibile a fare a cambio con Parigi per evitare che il voto per l'Eliseo — io e 24 aprile 2022 - cadesse proprio in mezzo al semestre francese. Macron però ha preferito mantenere l'impegno, per fare della presidenza Ue il momento decisivo della fine del suo primo mandato e anche della sua campagna elettorale (benché ufficialmente non si sia ancora ri-candidato). Così, il 9 dicembre scorso, grande conferenza stampa per illustrare alla stampa internazionale le tappe del semestre europeo; interventi continui dei ministri per sottolineare l'importanza epocale dell'evento; Tour Eiffel e palazzo dell'Eliseo illuminati in blu, il colore dell'Europa; e nella notte tra venerdì 31 dicembre e sabato primo gennaio un'enorme bandiera blu con le 12 stelle è apparsa sotto l'Arco di Trionfo, al posto del tricolore francese che di solito sventola nelle occasioni ufficiali. Ia bandiera europea era già comparsa nel 2008, sotto Sarkozy, ma in quella occasione affiancata alla bandiera nazionale. Stavolta il bleu-blanc rouge è stato accantonato, sia pure per poche ore, e questo ha provocato l'indignazione dei candidati di destra ed estrema destra — ovvero gli unici per ora in grado di impensierire Macron — e anche degli esponenti della «France Insoumise» (sinistra radicale).

Marine Le Pen ha parlato di «provocazione» e ha annunciato un ricorso al Consiglio di Stato. Eric Zemmour ha protestato contro «l'oltraggio», e la gollista Valérie Pécresse (l'avversaria forse più pericolosa per Macron) ha denunciato «la cancellazione dell'identità francese». Ieri la bandiera europea è sparita: «secondo i tempi previsti», assicura l'Eliseo, che però in un primo tempo aveva parlato di «qualche giorno» di presenza sotto l'Arco di Trionfo. Marine Le Pen e gli altri esultano come se fossero riusciti a respingere un'invasione nemica, e Macron si trova a fare i conti con un effetto indesiderato della sua pur coraggiosa scelta europeista: l'Europa, così strettamente associata alla persona del presidente in carica, potrebbe diventare una vittima collaterale della campagna per l'Eliseo, rifiutata dai tanti francesi che non voteranno Macron (ovvero la maggioranza, almeno al primo turno).

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT