mercoledi` 08 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
15.10.2021 Attentato in Norvegia: il killer è un convertito all'islam
Cronaca di Marta Serafini

Testata: Corriere della Sera
Data: 15 ottobre 2021
Pagina: 19
Autore: Marta Serafini
Titolo: «Norvegia, si indaga per terrorismo. Killer convertito all'Islam e radicalizzato»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 15/10/2021, a pag. 19, con il titolo "Norvegia, si indaga per terrorismo. Killer convertito all'Islam e radicalizzato", la cronaca di Marta Serafini.

Immagine correlata
Marta Serafini

Norvegia, uccide cinque persone con arco e frecce. Arrestato un uomo - Rai  News

Quattro donne e un uomo uccisi, tutti tra i 50 e i 70 anni, di cui un agente di polizia colpito alla schiena. All'indomani della strage di Kongsberg, costata la vita a 5 persone, iniziano ad emergere i primi dettagli. «Le vittime sono state colpite in modo del tutto casuale», ha dichiarato la procuratrice regionale Salane Mathiassen che guida le indagini. Tra le armi utilizzate, sicuramente arco e frecce ma forse anche un coltello, dettaglio che deve essere però confermato dalle autopsie. E dopo le prime indiscrezioni poi smentite, inizia a delinearsi anche parte del profilo del killer di cui i media locali hanno diffuso un nome, però non confermato dalla polizia. Il sospettato è un cittadino danese di 37 anni, Espen Andersen Bräthen, convertito all'Islam e già noto alla sicurezza di Oslo in quanto radicalizzato. «Aveva dato segnali, l'anno scorso era sotto osservazione, poi è uscito dal radar», ha spiegato Ole Bredrup Saeveru della polizia. Madre danese e padre norvegese, Bräthen — che comparirà in tribunale oggi e che sarà sottoposto a perizia psichiatrica — aveva già ricevuto l'anno scorso un ordine restrittivo di sei mesi dopo avere minacciato di uccidere un suo familiare. Un parente lo ha descritto come «malato di mente». Bräthen era anche stato condannato per furto con scasso e acquisto di piccole quantità di hashish nel 2012. Infine, secondo diversi media norvegesi, nel 2017 aveva pubblicato un video su YouTube — ora rimosso — nel quale annunciava la sua conversione all'Islam definendosi, con toni minacciosi, «un messaggero». Su Kongsberg, cittadina a una settantina di chilometri da Oslo, intanto è calata l'angoscia. Durante l'attacco, Bräthen è entrato in un negozio spaventando il personale e i clienti ma senza ferire nessuno. Poi ha fatto irruzione in una serie di abitazioni private. «Qui tutti si conoscono, teniamo la porta aperta», ha spiegato alla Bbc Fiona Heiberg, testimone e residente della cittadina. La paura investe la Norvegia, che tenta però di non farsi prendere dal panico o di farsi trascinare nelle polemiche. «Sembra essere un atto di terrorismo», si legge nella nota dell'agenzia della sicurezza norvegese, Pst. A fronte della prudenza, è chiaro però come il killer abbia sfruttato delle «falle» del sistema. Archi e frecce non sono classificati come armi illegali in Norvegia. E consentito acquistarli e possederli, e i proprietari non sono tenuti a registrarli, sebbene debbano essere utilizzati nel poligoni di tiro con l'arco designati. E non solo. Al momento dell'attacco, gli agenti di polizia non indossavano le armi, come prevede la normativa norvegese, ed è solo dopo un episodio violento— come successo ieri — che viene ordinato il contrario. Segni dunque che l'allerta sale, sebbene la Pst si affretti a dichiarare «non vi è finora alcuna indicazione che vi sia un cambiamento nel livello di minaccia nazionale». «Siamo inorriditi dai tragici eventi di Kongsberg», ha detto re Harald V riassumendo il sentimento generale. L'attacco di Kongsberg, il più grave dalla strage di Utoya mentre si insedia il governo del leader laburista Jonas Gahr che, oltre ad aver voluto un esecutivo a maggioranza femminile, ha chiamato in squadra proprio due sopravvissuti a Utoya, Tonje Brenna, 33 anni, cui è stata affidata la Pubblica istruzione, e Jan Christian Vestre, 35 anni, ministro del Commercio. Intanto su Kongsberg volano ancora gli elicotteri. E c'è chi, trai passanti, non si trattiene e scuote il capo: «Sembra di essere a Kabul».

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT