martedi` 19 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
08.09.2021 Afghanistan: i terroristi al governo/2
Commento di Lorenzo Cremonesi

Testata: Corriere della Sera
Data: 08 settembre 2021
Pagina: 11
Autore: Lorenzo Cremonesi
Titolo: «È l'ora dei 'duri': le illusioni di moderazione sono finite»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 08/09/2021, a pag.11, con il titolo "È l'ora dei 'duri': le illusioni di moderazione sono finite", il commento di Lorenzo Cremonesi.

Immagine correlata
Lorenzo Cremonesi

Mullah Mohammad Hasan Akhund named new Afghanistan PM: All you need to know  - Times of India
Hasan Akhund

Il governo talebano non sarà affatto «inclusivo», come invece avevano promesso. Una doccia fredda e un segnale di ulteriore allarme per tutti, specie per chi auspicava che i talebani - potessero moderarsi nella speranza del riconoscimento internazionale La nomina a premier del Mullah Hasan Akhund, un duro della prima ora che appare sulla lista Onu del terrorismo, desta preoccupazioni. E la scelta di affidare gli Interni a Sarajuddin Haggani è destinata ad aggravarle. Il primo fu ministro degli Esteri nel 1996, fiancheggio il Mullah Omar nella decisione di garantire asilo a Osama bin Laden. Come tanti della sua generazione, le sue radici sono nei vicoli poveri di Kandahar, dove vendeva tessuti. Ma presto divenne un comandante militare e il vice dell'allora potente Mullah Rabani. Di lui dicono che ha un'istruzione molto limitata, ma sa controllare bene le sue reazioni citando di continuo versetti del Corano. Un estremista religioso che guarda alla democrazia come ad una sorta di trucco sporco degli infedeli. Ma Haggani è ancora più pericoloso: il suo clan, forte nelle regioni pashtun tra l'Afghanistan orientale e le zone tribali pachistane, ha sempre mantenuto legami stretti con il terrorismo islamico e anche negli ultimi anni ha conservato rapporti di cooperazione con le cellule di Isis. Gli Stati Uniti hanno promesso 10 milioni di dollari a chiunque ne aiuti la cattura.

La definizione di «governo di transizione» non deve trarre in inganno. Non cl saranno elezioni Semplicemente nei prossimi mesi vedremo aggiustamenti e nomine dettati dai rapporti di forza tra le correnti inter-talebane. Nella lista presentata ieri non c'è neppure una donna, come era prevedibile. Manca anche la divisione tra potere politico e religioso all'iraniana, come Invece tanti commentatori avevano predetto. Abdul Ghani Baradar, il pragmatico che aveva negoziato con gli americani, viene degradato a vicepremier. Resta nell'ombra anche il leader religioso dal 2016, Haibatullah Akhundzada. Appare ovvio che però I talebani dovevano in qualche modo elaborare un esecutivo di compromesso e cominciare a governare. Il Paese attende, la crisi economica si sta facendo grave, i ministeri devono funzionare. Le difficoltà per loro cominciano adesso.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT