mercoledi` 22 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
01.08.2021 L'Iran attacca la nave mercantile israeliana
Commento di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 01 agosto 2021
Pagina: 17
Autore: Davide Frattini
Titolo: «I droni contro il mercantile: la guerra sui mari tra Israele e Iran»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 01/08/2021, a pag.17, con il titolo "I droni contro il mercantile: la guerra sui mari tra Israele e Iran" il commento di Davide Frattini.

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini


La nave colpita

La famiglia Ofer è una delle più ricche di Israele. Il decano Sammy, morto nel 2012, una volta ha donato 25 milioni di dollari per la costruzione di un parcheggio sotterraneo che potesse funzionare anche come bunker-ospedale in caso di attacco chimico. Dalle parti del porto di Haifa da dove i mercantili del gruppo salpano per tutto il mondo. Haifa, i suoi depositi di ammonio, sono tra i bersagli sempre minacciati dall'Hezbollah libanese, il gruppo filo-iraniano fa da braccio armato agli ayatollah nella sfida con Israele sul confine nord. Uno scontro che si estende alla Siria — dove l'aviazione israeliana continua a colpire gli obiettivi legati a Teheran — e da lì verso l'Oceano Indiano, i golfi e gli stretti davanti all'Oman, allo Yemen, qui navigano i mercantili sulle rotte più affollate. L'intelligence iraniana individua — non è difficile — quali siano di proprietà israeliana (battono bandiere diverse), spesso degli Ofer e della loro Zodiac. Attaccano questi bestioni lunghi 600 metri perché sono facili da raggiungere e sanno che il messaggio sarà ricevuto a Gerusalemme: l'ultimo blitz giovedì è stato effettuato con uno sciame di droni, ha ucciso due marinai, un britannico e un rumeno, nonostante la scorta militare americana anti-pirateria. «L'Iran è un problema globale, i Pasdaran non si trattengono più: volevano così tanto colpire gli israeliani che si sono infilati in un incidente internazionale», commenta una fonte a Gerusalemme. Yair Lapid, il ministro degli Esteri, è in contatto con il britannico Dominio Raab e gli chiede «una risposta comune». Nessuna rivendicazione ufficiale come in passato. In mezzo al mare resta l'ambiguità, la stessa che copre le missioni israeliane dentro l'Iran per rallentarne lo sviluppo atomico: Anche se Aviv Kochavi, il capo di Stato Maggiore, ha avvertito: «Le nostre mosse in Medio Oriente non sono nascoste agli occhi del nemico». In aprile una mina ha danneggiato il mercantile iraniano Saviz mentre navigava nel Mar Rosso: è considerato dagli 007 una postazione avanzata di comando usata per coordinare le operazioni degli Houthi, sostenuti da Teheran, nella in Yemen. La chiamano guerra ombra, fa vittime come quella reale e prepara uno scontro aperto alla luce delle esplosioni.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT