mercoledi` 22 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
19.07.2021 Egitto: liberata l'attivista Esraa Abdel-Fattah
Commento di Viviana Mazza

Testata: Corriere della Sera
Data: 19 luglio 2021
Pagina: 14
Autore: Viviana Mazza
Titolo: «Il Cairo libera l'attivista icona della rivoluzione»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 19/07/2021, a pag.14, con il titolo ''Il Cairo libera l'attivista icona della rivoluzione" l'analisi di Viviana Mazza.

Risultati immagini per viviana mazza
Viviana Mazza

Egitto: rilasciati l'attivista Esraa Abdel Fattah, un giornalista e un  politico
Esraa Abdel-Fattah

L’attivista egiziana Esraa Abdel-Fattah, uno dei simboli della rivoluzione del ton, è stata rilasciata dopo quasi 22 mesi di detenzione preventiva con l'accusa di «appartenenza ad organizzazione terroristica» e «diffusione di notizie false atte a destabilizzare il Paese e screditare lo Stato». Nel 2008, Abdel-Fattah è stata cofondatrice del «movimento 6 aprile» (e della sua pagina Facebook), per sostenere i lavoratori in sciopero e chiedere riforme politiche. II movimento fu determinante anche nella rivolta di piazza Tahrir. Oltre a lei sono state liberate ieri cinque persone: gli avvocati Mahienour el-Masry e Gamal e-Gamal, i giornalisti Mustafa el-Aasar e Moataz Wadnan e un leader del partito socialista, Abdel-Nasser Ismail. La pressione da parte degli Stati Uniti sarebbe stata fondamentale, anche se il rilascio non chiude i casi. II portavoce del dipartimento di Stato Ned Price aveva detto, mercoledì scorso, che Washington è «preoccupata» perle detenzioni di attivisti e giornalisti in Egitto, citando la recente incriminazione di Hossam Bahgat, presidente dell'Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr) per un tweet di un anno fa. Rispondendo a una domanda sulla vendita di armi all'Egitto, Price ha detto che il presidente Biden ha parlato dei diritti umani con Al Sisi e che gli Stati Uniti li «prendono in seria considerazione» quando fanno affari. Resta invece in detenzione preventiva Patrick Zaki, anche lui collaboratore di Eipr.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT