domenica 19 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
07.02.2021 Covid in Israele, i contagi scendono
Commento di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 07 febbraio 2021
Pagina: 14
Autore: Davide Frattini
Titolo: «'Magia' di Israele: le curve in picchiata (ma preoccupano i casi tra i giovani)»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 07/02/2021, a pag.14, con il titolo " 'Magia' di Israele: le curve in picchiata (ma preoccupano i casi tra i giovani)" il commento di Davide Frattini.

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Covid Abruzzo bollettino 29 gennaio 2021: 343 nuovi casi e 7 decessi

La musica pop sparata dentro ai tendoni bianchi, i volontari chi indirizzano al cubicolo con il numero giusto. Le code davanti alle cliniche per le vaccinazioni sono ormai sparite, resta il clima di festa nazionale. Nessuno prova più a passare davanti agli altri per ottenere la puntura, le transenne messe nei primi giorni della campagna separano file ormai inesistenti. Oltre 3,3 milioni di israeliani (su 9,2) hanno ricevuto la prima dose, quasi 2 milioni anche la seconda. La percentuale molto alta di vaccinati permette agli scienziati di calcolare i primi risultati a 40 giorni dall’inizio delle operazioni. Eran Segal, ricercatore dell’Istituto Weizmann, ha commentato entusiasta: «La magia è cominciata».

Covid, il premier israeliano Netanyahu si è vaccinato in diretta tv -  Tgcom24
Benjamin Netanyahu vaccinato in diretta tv

Elenca i dati positivi tra gli over 60, i primi a essere inoculati: calo del 40 per cento di nuovi contagiati dal Covid-19 rispetto alla metà di gennaio, meno 31 per cento di ricoveri. Fa notare che questi numeri sono migliori che in generazioni più giovani e non erano stati raggiunti neppure con il lockdown precedente: nel gruppo dai 59 anni in giù, i casi sono scesi solo del 12 per cento e gli ingressi in ospedale del 5. Nella corsa globale all’immunizzazione di massa Israele è tra i primi. I medici e gli infermieri iniettano quasi 100 mila persone al giorno, un numero che si è dimezzato rispetto alle prime settimane e comincia a preoccupare: per attrarre più persone il governo ha dato il via libera alle quattro mutue assistenziali di convocare fino ai diciottenni. Gli esperti temono anche il momento in cui andranno affrontati gli scettici: chi rifiuta di ricevere la dose potrebbe far saltare l’obiettivo di coprire entro la fine di marzo i due terzi della popolazione. Il Paese resta chiuso — il blocco totale è stato esteso a oggi, il governo è diviso su come riaprire — e isolato dal resto del mondo, i voli in ingresso e uscita bloccati per almeno altre due settimane. Preoccupano le varianti inglese e brasiliana, al punto che si allontana la promessa di un patentino verde: avrebbe permesso agli israeliani di tornare a viaggiare senza l’obbligo al ritorno di rimanere in casa per quattordici giorni, ridotti a dieci con test negativo. Gili Regev-Yochay, direttrice dell’unità di epidemiologia all’ospedale Sheba, avverte che con queste mutazioni in circolazione una percentuale più alta della popolazione (l’80-90 per cento) deve essere vaccinata per raggiungere l’immunità di gregge. Fino ad ora i calcoli sono stati eseguiti escludendo i minori di 16 anni (un terzo del totale) e secondo la professoressa Regev-Yochay «sarà inevitabile vaccinare anche loro». In ogni caso — prevede — «gli israeliani dovranno indossare le mascherine almeno fino all’estate». La campagna vaccinale coincide con quella elettorale. Si vota il 23 marzo e per il premier Netanyahu sembra allontanarsi la speranza anche politica di poter proclamare entro quella data: «Abbiamo sconfitto il Coronavirus».

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT