martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
28.01.2021 Caos e scontri in Olanda: che cosa dobbiamo imparare
La cronaca a firma I.So.

Testata: Corriere della Sera
Data: 28 gennaio 2021
Pagina: 1
Autore: I.So.
Titolo: «Olanda, 5 giorni di scontri e saccheggi per il coprifuoco»
Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 28/01/2021, con il titolo "Olanda, 5 giorni di scontri e saccheggi per il coprifuoco", la cronaca a firma I.So.

Speriamo che la lezione che proviene dall'Olanda sia attentamente analizzata, per evitare che si riproponga anche in Italia e in altri Paesi...

Ecco l'articolo:

Netherlands: What's behind violent anti-lockdown riots? | Coronavirus  pandemic News | Al Jazeera
Vetrine infrante ad Amsterdam

Cinque giorni di negozi devastati, auto incendiate, sassaiole contro la polizia e 565 arresti: è questo il provvisorio bilancio dei disordini in decine di città dei Paesi Bassi, dove alcune centinaia di manifestanti protestano dal 23 gennaio contro il coprifuoco. Ieri il dimissionario Mark Rutte, premier per gli affari correnti sino al voto del 17 marzo, ha risposto che l’esercito «non è un tabù» a un’interrogazione del populista Geert Wilders.

Dutch police out in force to prevent further anti-lockdown rioting |  Euronews

In Belgio, dove vige un identico coprifuoco, crea apprensione un raduno organizzato per domenica a Bruxelles, e che la ministra dell’Interno Annelies Verlinden ha definito «ispirato dai Paesi Bassi». Paura anche in Francia. Che il coprifuoco, il primo dall’occupazione nazista, fosse per questo una misura impopolare la Camera lo ha sempre previsto: da settembre lo si vota periodicamente ed è sempre bocciato. Ma a 13.600 morti e quasi un milione di casi il lockdown in vigore da dicembre è sembrato una misura non più sufficiente. Così la Camera ha acconsentito: divieto di uscire dalle 21 alle 4:30, pena multe di 95 euro. Già sabato 23 i primi disordini, organizzati su Telegram. A Urk, nel Flevoland, un centro tamponi è stato incendiato; il giorno dopo, violenti scontri andavano in scena ad Amsterdam, Eindhoven, Rotterdam e altre 26 città. A Tillburg, Maastricht e Breda le tifoserie di calcio hanno inviato un «servizio d’ordine», e a fianco della polizia è scesa anche la KMar, la polizia militare reale. I cittadini non sostengono le proteste: migliaia le denunce e i crowdfunding per i negozi devastati. Ma i manifestanti non sembrano voler mollare.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/ 62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT