domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Corriere della Sera Rassegna Stampa
02.08.2018 Burqa vietato in Danimarca, ma c'è chi protesta e grida alla 'discriminazione'
Commento di Marta Serafini

Testata: Corriere della Sera
Data: 02 agosto 2018
Pagina: 13
Autore: Marta Serafini
Titolo: «Con il velo integrale per sfidare il governo»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 02/08/2018, a pag. 13, con il titolo "Con il velo integrale per sfidare il governo", la cronaca di Marta Serafini.

Giusto vietare il burqa, simbolo della sottomissione della donna. Quando un provvedimento del genere anche in Italia?

Ecco l'articolo: 

Risultati immagini per Marta Serafini
Marta Serafini

Immagine correlata
Per le strade di Copenhagen...

Velate e non. Musulmane, cristiane ed atee. Ma anche uomini e bambini. Ieri, a Copenaghen e ad Aarhus hanno aderito in centinaia alla manifestazioni contro l’entrata in vigore del burqa ban. I cortei, organizzati dalle associazioni Party Rebels e Socialistisk Ungdomsfront, si sono svolti senza incidenti. Il provvedimento approvato in febbraio dal governo di centro destra del premier Lars Løkke Rasmussen proibisce, come in Austria, Francia, Belgio e Olanda, di indossare il velo integrale in pubblico. Chi trasgredisce rischia multe dalle 1.000 alle 10 mila corone danesi (dai 134 ai 1.300 euro circa). «Si discrimina una minoranza religiosa», ha dichiarato alla Reuters Sabina, 21 anni. «È un’ipocrisia: lo Stato non ha il diritto di dirmi cosa devo indossare», ha spiegato al quotidiano Berlingske Sarah, nata in Danimarca da genitori turchi. Anche secondo Amnesty International la legge mette a rischio l’integrazione e non tutela i diritti delle donne. I critici osservano poi come solo l’0,1 per cento delle musulmane danesi si copra il volto. In marzo il governo ha presentato un pacchetto «ghetto». Tra i provvedimenti, l’obbligo per i figli di migranti residenti in 25 aree di frequentare corsi di lingua e valori danesi e pene raddoppiate per i reati commessi nei ghetti.

Per inviare la propria opinione al Corriere della Sera, telefonare 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@corriere.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT