venerdi 19 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Bet Magazine-Mosaico Rassegna Stampa
06.02.2024 Con l'associazione Setteottobre in difesa di Israele
Commento di Ilaria Myr con Daniele Scalise e Stefano Parisi

Testata: Bet Magazine-Mosaico
Data: 06 febbraio 2024
Pagina: 8
Autore: Ilaria Myr
Titolo: «Contro la demonizzazione di Israele, in difesa dei valori democratici»

Riprendiamo da BET Magazine-Mosaico l'intervista di Ilaria Myr a Daniele Scalise e a Stefano Parisi dal titolo "Contro la demonizzazione di Israele, in difesa dei valori democratici".

Ilaria Myr, Author at Quoziente Humano
Ilaria Myr


Daniele Scalise

Stefano Parisi
Stefano Parisi

Quello che è successo il 7 ottobre ci ha lasciato annichiliti, spaventati, addolorati e angosciati. Fatti talmente drammatici come nella nostra vita non avevamo mai visto. E l’antisemitismo che ne è scaturito ha raggiunto dei livelli incredibili. È dallo sgomento davanti a tutto ciò che è nata l’idea di creare un’associazione che combatta negazionismo e disinformazione, e faccia invece informazione e formazione». Il giornalista e scrittore Daniele Scalise è uno dei fondatori dell’associazione Setteottobre, nata il 5 dicembre dall’iniziativa di un gruppo di persone del mondo culturale, che hanno sentito l’obbligo morale di agire davanti alla demonizzazione di Israele, all’antisemitismo delle piazze e al negazionismo circolante sui quei tragici fatti. Gli altri fondatori sono: Stefano Parisi, che ricopre il ruolo di presidente, Anita Friedman, Luigi Mattiolo e sua moglie Stefania Stefanelli, Matteo Mungari e sua moglie Celestina, Camilla Parisi, Bruno Sed, Elena Costantino, Beppe Lanzillotta, Giovanni Galassi, Paolo Capaccioni, Andrèe Ruth Shammah, Pigi Battista, Ilaria Borletti, Roberto Spada, Gabriele Albertini e Anna Borioni. Ad oggi conta 200 aderenti, ma l’obiettivo è quello di crescere il più possibile, accogliendo persone desiderose di impegnarsi in questo compito. L’associazione è stata presentata ufficialmente il 21 gennaio a Roma e il 28 gennaio a Milano, al Teatro Franco Parenti, nell’ambito di un evento contro l’antisemitismo. L’evento di Roma era dedicato alla memoria di Elio Carmi, il designer e pubblicitario deceduto di recente che ha disegnato il logo dell’associazione. «Dopo il 7 ottobre abbiamo assistito nell’opinione pubblica, a due reazioni ripugnanti - spiega Scalise a Bet Magazine-Mosaico -: da un lato una totale indifferenza, come se non fosse successo nulla, e dall’altro un’odiosa colpevolizzazione di Israele, come se gli orrori commessi il 7 ottobre e dal 7 ottobre - ricordiamo che ci sono ancora 136 ostaggi a Gaza, non si sa in quali condizioni! – siano in qualche modo giustificabili. Soprattutto, è riemersa impetuosa una pulsione millenaria antisemita, laddove si sperava che davanti a un fatto così inequivocabile e orrendo ci sarebbe stata invece commozione ed empatia. Quello che è successo quel ‘Shabbat nero’ è un atto brutale e infame, una vera e propria aggressione nei confronti di Israele e di tutto quello che esso rappresenta, cioè i valori delle democrazie occidentali conquistati negli ultimi due secoli». Lungi dal volere proporsi come “salotto” di confronto e riflessione, Setteottobre ha obiettivi molto concreti. «Abbiamo contribuito in prima linea all’appello sul femminicidio compiuto il 7 ottobre, promosso da Andrée Shammah, Silvia Grilli, Alessandra Kusterman, Anita Friedman e Manuela Ulivi, e stiamo lavorando per capire se ci sono le condizioni per sostenere le azioni che già i famigliari delle vittime hanno avviato al Tribunale dell’Aia contro Hamas per il riconoscimento di crimini contro l’umanità da parte di Hamas - spiega Stefano Parisi a Bet Magazine-Mosaico -. Nel medio termine, attraverso il lavoro dei nostri associati, che provengono da diversi mondi professionali, vogliamo lavorare per contrastare quest’onda non solo contro Israele e gli ebrei, ma anche contro l’Occidente che è emersa dalle reazioni spaventose al 7 ottobre. Vogliamo man mano promuovere studi e ricerche, organizzare convegni e seminari, costruire osservatori, svolgere attività di informazione e contro-informazione sui media, attivare partnership con organizzazioni e istituzioni pubbliche e private italiane e internazionali, per fare conoscere i fatti storici che dai più sono ignorati, e fare sentire le voci che sono ridotte al silenzio. Faremo anche un lavoro sui libri di testo nelle scuole, coinvolgendo il Ministero dell’istruzione e le case editrici, perché ci accorgiamo che tanti libri raccontano storie non vere rispetto alle origini di Israele e quello che è successo all’inizio del secolo. E poi aiuteremo gli avvocati che già oggi danno assistenza pro bono a chi, ebrei e no, sta ricevendo attacchi sui social. Certamente parleremo anche ai giovani, per i quali svilupperemo dei prodotti mediatici divulgativi. Faremo, insomma, tutto ciò che serve per squarciare il colpevole silenzio camuffato da equidistanza purtroppo molto diffuso, perché davanti a ciò che è successo non si può tacere».

Per inviare a BET Magazine-Mosaico la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


bollettino@tin.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT