venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Bet Magazine-Mosaico Rassegna Stampa
09.06.2023 A Milano una serata su Herbert Pagani
Appuntamento l'11 giugno

Testata: Bet Magazine-Mosaico
Data: 09 giugno 2023
Pagina: 1
Autore: la redazione di BET Magazine-Mosaico
Titolo: «L’11 giugno a Kesher una serata su Pagani, Moustaki e Macias: “cartoline musicali dal mondo ebraico arabo scomparso”»
Riprendiamo da BET Magazine-Mosaico l'articolo dal titolo "L’11 giugno a Kesher una serata su Pagani, Moustaki e Macias: “cartoline musicali dal mondo ebraico arabo scomparso” ".


Trent' anni fa moriva Herbert Pagani. Ricordo di un grande poeta  dell'identità ebraica e sionista - Mosaico
Herbert Pagani

Spesso si parla di musica ebraica riferendosi al mondo ashkenazita, est europeo, con il suo universo kletzmer, o al pop angloamericano alla Bob Dylan, ma esiste una “controparte” sefardita, altrettanto interessante e poco approfondita, specchio del dimenticato ed intenso ebraismo di luoghi, una volta importanti, come Tripoli, Alessandria d’Egitto e l’Algeria. Dedicato al mondo ebraico, un tempo vitalissimo ed ormai svanito, di quei siti, e a tre grandi cantautori che vi sono nati, il libico Herbert Pagani, l’egiziano Georges Moustaki e l’algerino Enrico Macias, l’approfondimento, del prossimo 11 giugno, Pagani, Moustaki e Macias, cartoline musicali dal mondo ebraico arabo scomparso.

Category:Herbert Pagani - Wikimedia Commons

L’iniziativa, organizzata da Paola Hazan Boccia per Kesher, vedrà confrontarsi fra loro, dalle 17.00, il giornalista e ricercatore musicale Roberto Zadik, ideatore dell’evento, e lo psicanalista e studioso David Meghnagi che varie volte si è occupato delle proprie origini con vari interventi e testi (Libia ebraica, Belforte editore, Lo Shabbat e Shiru Shir, Giuntina). Durante l’iniziativa si discuterà di canzoni, ricordi, emozioni e si faranno riflessioni, non solo riguardo a tre artisti di alto livello che seppero esprimere la loro identità musicale, poetica ed ebraica in modi diversi ma affini, ma anche sulla complessa ebraicità sefardita e il senso di s-radicamento di molte persone, costrette a lasciare la patria d’origine per reinventarsi in Europa negli anni ’60. Quella fu l’epoca di massimo splendore culturale della Parigi di Edith Piaf in cui vissero vari anni Pagani e Moustaki, che soggiornarono lungamente anche in Italia, e Macias. Le loro canzoni più significative, da Arringa per la mia terra di Pagani, straordinaria difesa di Israele e dell’identità ebraica, a Lo straniero di Moustaki che, nel 1969, lo consacrò alla fama internazionale, alla bellissima L’Oriental, del meno conosciuto, Macias.

Herbert Pagani - Le nouveau blog de jechantemagazine

In occasione dei trentacinque anni dalla scomparsa di Herbert Pagani, il prossimo 16 agosto, e del decimo anniversario della morte di Moustaki, verrà ricordato, dagli oratori, il percorso, umano ed artistico dei cantautori e sarà analizzata la loro personalità. Oltre ad un confronto fra questi tre artisti, evidenziandone analogie e differenze, si ricorderà anche la Tripoli ebraica, da parte di David Meghnagi. Su questo argomento da ricordare il bel documentario da lui realizzato con Ruggero Gabbai, nel 2017, Libia, l’ultimo esodo e il suo impegno già dal 1969 nel portare in giro per l’Italia le melodie ebraiche sefardite e ashkenazite assieme a sua sorella, la cantante Miriam Meghnagi che il grande Pagani amava chiamare “mia sorella in Mosè”. Successivamente verrà approfondita la realtà ebraica fiorente e oggi scomparsa di Alessandria d’Egitto, patria cosmopolita, in cui nacquero esponenti della cultura come il poeta Ungaretti, il “padre del futurismo” Filippo Tommaso Marinetti e i cantautori Demis Rossous e Demetrio Stratos, come Moustaki di origini greche, molto famoso anche in Italia. E poi il mondo ebraico algerino, in cui nacque Macias, fondamentale per le odierne comunità francesi. Fra le particolarità della serata, Zadik analizzerà anche il contesto delle colonizzazioni, italiana per Tripoli, inglese per Alessandria e francese per l’Algeria, e il rapporto fra identità familiare e religiosa dei tre artisti per arrivare alla scena musicale nordafricana focalizzandosi sul rapporto fra forme d’arte, in questo caso, musica e poesia e identità dei paesi e dei popoli del mondo.

Per collegarsi su Zoom, qui il link: DOMENICA 11 GIUGNO ALLE ORE 17.00 Cartoline musicali dal mondo ebraico arabo scomparso Dalla Tripoli di Herbert Pagani, alla Alessandria d’Egitto di Georges Moustaki, al Nord Africa di Enrico Macias a cura di David Meghnagi e Roberto Zadik in diretta streaming su zoom https://us02web.zoom.us/j/82361799294?pwd=OWNkc0pBNDFndG5OTDBENkd1ODBVdz09
ID riunione: 823 6179 9294
Passcode: 047967

Per inviare a Bet Magazine-Mosaico la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

bollettino@tin.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT