giovedi` 09 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gerusalemme e il Monte del Tempio (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Bet Magazine-Mosaico Rassegna Stampa
08.12.2022 Di chi è Gerusalemme?
Lo spiegano Antonia Arslan, Vittorio Robiati Bendaud

Testata: Bet Magazine-Mosaico
Data: 08 dicembre 2022
Pagina: 14
Autore: R.C.
Titolo: «Se solo le pietre potessero parlare… A Gerusalemme, le lacrime dei millenni»
Riprendiamo da BET Magazine-Mosaico di dicembre 2022, a pag. 14, il commento a firma R.C. con il titolo "Se solo le pietre potessero parlare… A Gerusalemme, le lacrime dei millenni".

A destra: Gerusalemme, capitale di Israele

Di chi è il Monte del Tempio? Perché l’Unesco ne ha fatto un sito solo islamico? E soprattutto: com’è nata la folle negazione della storia ebraica di Gerusalemme? Risponde il saggio di due studiosi, Yitzhak Reiter e Dvir Dimant: un testo capitale per capire l’urgenza del problema, il suo riverbero culturale, simbolico, politico. Perché cancellare la Storia non si può. Ed è solo dal riconoscimento reciproco che prende il via la pacificazione. Lo spiegano qui Antonia Arslan e Vittorio Robiati Bendaud.

Luogo di spaventosa potenza spirituale, là dove si manifestò la presenza divina per Sua stessa volontà, scegliendo la sede e il modo: è il Monte del Tempio di Gerusalemme, cuore mistico del mondo, avvelenato dalla politica. Oggi divide gli uomini di diverse fedi da quando è diventato simbolo di affermazione identitaria. Eppure gli stessi Maestri dell’Islam ne riconoscevano il valore proprio in quanto patrimonio ed eredità dell’ebraismo. Ma poi tutto è cambiato, l’aumento della presenza ebraica dalla fine del 1800, gli scontri tra arabi ed ebrei, le guerre successive, hanno portato il mondo arabo-islamico, o almeno una sua parte, a rivendicare “Ormai è nostro!” e poi, definitivo: “È nostro, lo è sempre stato, gli ebrei non hanno alcun diritto storico e nulla da pretendere”. Riportare la vicenda del Monte del Tempio nel suo contesto storico è il compito che si sono assunti gli studiosi israeliani Yitzhak Reiter e Dvir Dimant con il saggio Il monte del tempio. Ebraismo, Islâm e la roccia contesa (Guerini e Associati), uno dei testi di più urgente importanza e attualità culturale, simbolica e politica degli ultimi anni. Una lettura necessaria per chiunque voglia avere consapevolezza di ciò che sta al cuore di un conflitto ormai centenario.

Arslan Antonia | Edizioni Ares
Antonia Arslan

Gli autori esplorano scrupolosamente le fonti islamiche antiche e tradizionali, mettendole a confronto con quelle contemporanee, rendendo conto non solo della Storia, ma anche del secolare rapporto tra ebraismo e Islam, traendo conclusioni di vitale importanza per il presente e per la costruzione del futuro. Il Monte del Tempio, si è detto, è il luogo con la più alta concentrazione di spiritualità del pianeta, dove i tre monoteismi trovano ispirazione e convergenza. Ma, nella lotta per il primato, è diventato anche lo spazio fisico dove far esplodere i conflitti religiosi. E, tra polemiche e violenze, usando il proprio peso numerico ed economico, l’Islam contemporaneo ha portato dalla sua parte le voci istituzionali. Così l’Unesco ha dichiarato l’identità esclusivamente islamica del Muro Occidentale e della Spianata del Tempio, suscitando lo sgomento degli ebrei (ma anche di non pochi cristiani), cancellando de facto millenni di storia. Al saggio di Reiter e Dimant, Antonia Arslan e Vittorio Robiati Bendaud hanno ritenuto di aggiungere una postfazione, «e non di una prefazione, perché il lettore possa riflettere con noi a lettura conclusa», spiegano.

Libri di Vittorio Robiati Bendaud - libri Vita e Pensiero
Vittorio Robiati Bendaud

Il commento di Arslan e Bendaud
«È rilevante – scrivono – che l’edizione italiana di questo volume sia stata voluta e finanziata dal network internazionale Christians in Need Foundation, impegnato nel dar voce e nella difesa dei cristiani d’Oriente, in primo luogo armeni, ma anche assiri e copti. Non si insisterà mai abbastanza (anzi, pur- troppo, vi è un silenzio assordante e scandaloso sui media occidentali, anche cristiani) sulle sorti drammatiche e sulle persecuzioni patite oggi dai cristiani d’Oriente ad opera delle varie forme di estremismo islamico che minacciano la pace nel mondo, che si insediano nelle democrazie occidentali e che infliggono molti mali a milioni di musulmani, di ebrei e di cristiani in tutto il mondo. Vorremmo, seppur sinteticamente, offrire al lettore alcune piste di riflessione, connesse alla lettura di questo prezioso saggio. Ognuna di esse meriterebbe approfondimenti più estesi; tuttavia, per ovvie ragioni editoriali, le enunceremo sotto forma di punti. Come qui dimostrato con dovizia di citazioni, le fonti islamiche tradizionali, dagli albori dell’Islām sino all’inizio del XX secolo, riconoscono ampiamente la storia ebraica del Monte del Tempio e proprio a essa si riconnettono. Queste fonti oggi sono ignorate o messe in discussione, per lo più dalle dirigenze islamiste, ricevendo purtroppo immensa eco nel mondo islamico contemporaneo, per ragioni teologico-politiche. Si sta assistendo cioè a una tendenziosa e pericolosa riscrittura della Storia in generale e della storia religiosa islamica in particolare: questo a detrimento anche di milioni di musulmani rispetto alle loro stesse fonti fondative, che in qualche modo vengono occultate e messe in dubbio. Come ben evidenziato dagli autori, anche noi riteniamo che ‘i musulmani hanno un fortissimo interesse a enfatizzare, piuttosto che a negare, le loro origini ebraiche e cristiane. I musulmani contemporanei che misconoscono queste fonti minano la loro stessa legittimità in quanto parte di una storia umana di continuità religiosa di sequela del percorso di fede intrapreso da Abramo’, con la conseguenza drammatica di ‘operare una cesura netta nella trasmissione intergenerazionale delle tradizioni fondative, come pure della loro trasmissione in seno a tutte e tre le fedi monoteiste che custodiscono, invece, un antico nucleo condiviso e parimenti un condiviso sogno di un futuro di pace’. Ai nostri occhi appare sempre più chiaro che il necessario e benedetto dialogo ebraico-cristiano-islamico debba fondarsi sul riconoscimento dell’alterità religiosa – e, dunque, della sua legittimità. Questo, in particolare, richiede da parte del terzo monoteismo, l’Islām, che si rico-noscano le proprie origini ebraiche e cristiane, come peraltro già auspicato, e praticato anche nella quotidianità, da moltissimi musulmani e come attestato anche da molte fonti islamiche classiche, alcune delle quali citate in questo volume. Secondariamente, questo libro invita anche i cristiani alla riflessione. Come è possibile che molti Paesi, alcuni dei quali eredi culturalmente del cristianesimo e ancora oggi a maggioranza cristiana, abbiano potuto votare risoluzioni Unesco che negano la storia ebraica del Monte del Tempio, che è fondativa, essenziale e irrinunciabile per la storia cristiana (nonché, come qui dimostrato, anche per la storia islamica)? È pur vero che alcune voci si sono levate, ma sovente sono risultate isolate o non ascoltate. Con ogni evidenza, la nega- zione della storia ebraica del Monte del Tempio, su cui si radicano cristianesimo e Islām, attenta altresì all’identità, alla storia – e al futuro – cristiani. Come ricordato, alcuni Stati occidentali hanno votato a sostegno delle delibere Unesco che negano la storia ebraica del Monte del Tempio, oppure – come nel caso italiano – hanno optato per l’astensione, ossia per una sorta di neutralità. Si possono addurre molte ragioni strategico-politiche, con i loro interessi, oppure timori diplomatici. Se il Monte del Tempio è un sito soltanto islamico, e la sua storia è unicamente quella islamica, estranea rispetto alla precedente e fondativa storia ebraica (tuttora in corso), allora il Nabucco di Verdi risulterebbe un’opera priva di senso e di riferimenti, come pure il celebre quadro di Hayez riguardante la distruzione del Santuario ebraico. Come è potuto accadere che la Storia potesse essere riscritta e la verità storica occultata e negata nel silenzio generale? Ciò inerisce evidentemente anche alla situazione di smarrimento e confusione che affliggono oggi la cultura occidentale. La negazione – da una prospettiva religiosa – della storia di altri popoli, come pure della loro relazione e del loro attaccamento ai loro rispettivi luoghi santi, è un fenomeno che deve preoccuparci tutti, dal momento che avalla e veicola scontri e guerre in seno a una dimensione religiosa. Ed è ben noto come siffatte guerre, di natura religiosa, siano molto più difficili da risolvere. Infatti, persino dopo la conclusione dello scontro bellico, l’odio perdura per molto tempo. Disgraziatamente, in maniera non dissimile dal conflitto in atto a Gerusalemme e nei suoi luoghi santi, vi sono altri gruppi etnici che ricorrono alla religione, impiegandola come uno strumento per ottenere – e consolidare – sostegno politico. Un esempio concernente il legame tra identità etnica, religione e negazione della Storia è il caso della tragedia patita dagli armeni. Il popolo armeno non solo è stato vittima di un genocidio, ma la storia armena è stata negata, cancellata e sostituita da un’altra, che ha dichiarato quella precedente falsa, illegittima e ingiuriosa. In conclusione, l’importanza di questo saggio consiste nel contributo magistralmente offerto dai nostri due autori alla ricerca scientifica; all’analisi puntuale e documentata di temi estremamente intricati – e non di rado assai sofferti –; all’impegno per l’affermazione della verità storica, nelle sue molte sfaccettature e complessità. Questo saggio, oltreché rivolto agli studiosi e agli accademici, è teso ad alimentare e sostenere il rispetto e il mutuo riconoscimento, ossia il dialogo autentico e la pace».

Per inviare a Bet Magazine-Mosaico la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

bollettino@tin.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT