martedi` 16 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Bet Magazine-Mosaico Rassegna Stampa
07.11.2022 Avanza la retorica antisemita nei mass media russi
Commento di Paolo Castellano

Testata: Bet Magazine-Mosaico
Data: 07 novembre 2022
Pagina: 2
Autore: Paolo Castellano
Titolo: «Preoccupa l’avanzata della retorica antisemita nei mass media russi»
Riprendiamo da BET Magazine-Mosaico,novembre 2022, a pag.2, con il titolo "Preoccupa l’avanzata della retorica antisemita nei mass media russi", il commento di Paolo Castellano.

Paolo Castellano - YouTube
Paolo Castellano

Mosca, 'se Usa ci ascoltano,base per colloqui Putin-Biden' - Europa - ANSA
Vladimir Putin

Poco dopo aver preso il potere 22 anni fa, il presidente russo Vladimir Putin aveva bandito le manifestazioni di aperto antisemitismo. Ora, dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, si assiste alla riemersione di una retorica apertamente anti-ebraica nei principali media del paese. Come nel caso di un conduttore di un popolare talk show, che in diretta ha accusato gli ebrei di essere insufficientemente patriottici, oppure di un’associazione russa che ha incolpato un importante filosofo ebreo di stare con l’Ucraina per avidità. Il cambiamento nella retorica sugli ebrei nei media russi è incominciato circa due mesi fa, quando si è saputo che le truppe ucraine avevano fermato con successo l’avanzata delle forze russe. In un articolo apparso nel Moskovskij Komsomolets (un quotidiano russo per intellettuali) il noto giornalista Dmitry Popov ha stilato una lista di famosi ebrei che ha definito “agenti stranieri”, mentre l’associazione conservatrice russa Fondazione Cultura Strategica ha criticato il filosofo e giornalista francese Bernard-Henri Lévy, che aveva visitato i luoghi ucraini devastati dalla guerra, con un linguaggio che richiama i classici stereotipi antisemiti del XIX e XX secolo. «Questo cittadino francese di 74 anni, nato in una famiglia di ebrei algerini, sente odore di sangue con il suo naso e senza indugio si precipita a leccarlo per una buona cifra di soldi», si legge nell’articolo firmato da Agnia Krengel per la Fondazione Cultura Strategica.

Per inviare a BET Magazine-Mosaico la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


bollettino@tin.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT