sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Bet Magazine-Mosaico Rassegna Stampa
03.11.2022 Il futuro degli Accordi Abramo
Commento di Angelo Pezzana

Testata: Bet Magazine-Mosaico
Data: 03 novembre 2022
Pagina: 7
Autore: Angelo Pezzana
Titolo: «Il futuro degli Accordi Abramo»
Riprendiamo da BET-Mosaico di novembre 2022, a pag. 7, il commento di Angelo Pezzana con il titolo "Pace Israele-palestinesi: perché non imitare la Confederazione elvetica aprendo a un accordo con la Giordania?".

Angelo Pezzana


Gli Accordi di Abramo non hanno ottenuto soltanto straordinari risultati sul piano diplomatico quali il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme e l’apertura dei rapporti con i vicini stati arabi sunniti, diventando un centro vitale nel Medio Oriente. Ma aprì una reale strada per raggiungere una possibile soluzione del conflitto israelo-palestinese che fino allora consisteva nello slogan ‘ due Stati per due popoli’, una frase accattivante ma che di fatto andava letta nella interpretazione palestinese non ‘accanto’ ma ‘al posto’ di Israele. Accordi che riuscirono persino a mettere in crisi l’influenza dell’Iran, generoso finanziatore dei movimenti terroristi nella regione. Che una popolazione decida di modificare il proprio status in Stato è legittimo, non lo è più se comporta la distruzione di un altro, in questo caso di Israele. Perché non imitare la Confederazione elvetica rivolgendosi alla confinante Giordania, oltre a tutto i suoi cittadini sono al 70% di origine palestinese? I motivi erano evidenti, Arafat avrebbe avuto dalla sua parte gli Stati arabi se il suo nemico era Israele. Abu Mazen, seguendo l’esempio della politica di Arafat, aiutato purtroppo dalle continue crisi dei vari governi israeliani in questi ultimi anni, è riuscito a diffamare a livello internazionale l’immagine di Israele quale stato di apartheid, come è avvenuto qualche mese fa all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con l’accusa di essere responsabile del fallimento della giusta soluzione dei due stati. In poche parole di non volere la pace. Da Sempre, partendo fin dalla creazione di Israele nel 1948, ha affermato con l’espulsione di 700.000 arabi, la distruzione di 529 villaggi, i lanci di missili su Gaza con l’uccisione di bambini. Siamo noi palestinesi ad essere l’unico popolo a vivere sotto occupazione, Israele ha sempre violato gli Accordi di Oslo, fino a oggi -ha continuato dal suo pulpito- ha sempre dimostrato di essere colonialista, ha distrutto i nostri luoghi sacri, la sua legislazione è razzista… Insomma una menzogna dopo l’altra.

70% Believe Israel is on its way to Fifth Election - The Israel Democracy  Institute
Yair Lapid, Benjamin Netanyahu

Con un giorno di distanza, Yair Lapid, Primo Ministro, alla Assemblea Generale delle Nazioni Unite, esprimeva il proprio appoggio alla soluzione dei due Stati, anche se in una intervista affermava di condividere con Netanyahu che i tempi non erano maturi, soltanto una coraggiosa iniziativa diplomatica dopo una totale riforma dell’Autorità Palestinese potrà garantire una pace permanente con Israele. Sarà bene ricordare le premesse che Abu Mazen ci ha ricordato, ma ne ha dimenticata una. Ci ha provveduto il suo segretario di Fatah a Jenin, Ata Abu Rumeileh, in una intervista all’emittente Awda TV “ La guerra è per tutta la Palestina, dal Mar Mediterraneo al fiume Giordano”.

Per inviare a Bet la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

bollettino@tin.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT