lunedi` 23 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Bollettino della Comunità ebraica di Milano Rassegna Stampa
11.12.2020 La stampa cattolica e l'antisemitismo
Lo studio di Ulrich Wyrwa

Testata: Bollettino della Comunità ebraica di Milano
Data: 11 dicembre 2020
Pagina: 23
Autore: la redazione del Bollettino
Titolo: «La stampa cattolica e le parole malate»
Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano, novembre 2020, a pag.23, la recensione con il titolo "La stampa cattolica e le parole malate".

Ulrich Wyrwa - Casa Editrice Giuntina
La copertina (Giuntina ed.)

L’antisemitismo non è un fenomeno autonomo che cresce e alza la testa all’improvviso, non è un mero fatto sociale. L’antisemitismo non è neppure la conseguenza necessaria di un secolare odio cristiano contro gli ebrei. È (anche) un fenomeno sociale la cui formazione è direttamente collegata ai grandi sconvolgimenti del XIX secolo e dell’industrializzazione. Il risentimento verso gli ebrei assume allora un carattere laico e nasce ad opera di protagonisti concreti. In Italia, uno di questi attori fu la Chiesa cattolica. Esaminando i casi di Mantova, Milano e Venezia, l’autore mostra che non solo il centro della Chiesa a Roma ma anche il clero locale propagò l’antisemitismo. Sulla base della stampa cattolica delle tre città, l’autore evidenzia quanto il clero cattolico abbia influenzato il linguaggio laico dell’antisemitismo. Il rapporto tra antigiudaismo cristiano e antisemitismo laico è controverso nell’Europa del XIX secolo. Alcuni osservatori di quel tempo sottolinearono la novità del fenomeno mentre altri lo consideravano un ritorno dell’antico odio religioso medievale nei confronti degli ebrei.

Per inviare al Bollettino la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

bollettino@tin.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT