venerdi 12 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Libero Rassegna Stampa
24.06.2024 Netanyahu: scontri e Rafah verso la fine
Annuncio del governo israeliano

Testata: Libero
Data: 24 giugno 2024
Pagina: 10
Autore: Redazione di Libero
Titolo: «Netanyahu: scontri e Rafah verso la fine»

Riprendiamo da LIBERO di oggi, 23/06/2024, a pag. 12, l'articolo redazionale "Netanyahu: scontri e Rafah verso la fine"

Benjamin Netanyahu dichiara che l'operazione anti-terrorismo a Rafah è giunta quasi al termine. Nonostante le opposizioni nel governo (e nel mondo) ha tirato dritto per il raggiungimento di questo obiettivo. Intanto monta la minaccia sul fronte settentrionale, con Hezbollah sempre più pericoloso.

Gli attacchi al confine tra Israele e Libano delle ultime settimane hanno aumentato le preoccupazioni circa il possibile scoppio di un altro conflitto in Medio Oriente, mentre il premier israeleiano Netanyahu, parlando a Channel 14, afferma che «la fase intensa del combattimento con Hamas a Rafah è quasi terminata».
Ieri Hezbollah ha annunciato di aver preso di mira due siti militari nel nord di Israele con droni esplosivi, ferendo gravemente un soldato, come rappresaglia per la morte di un leader di un gruppo islamista alleato in un attacco israeliano nel Libano orientale.
Il movimento filo-iraniano ha anche pubblicato un nuovo video che mostra quelli che ha descritto come siti in Israele con le loro coordinate, senza identificarli, cinque giorni dopo aver rivelato immagini di Haifa prese, a suo dire, da un drone che ha sorvolato questo importante porto nel nord di Israele.
Riguardo alle tensioni in atto, gli Usa avrebbero chiarito a Israele che lo sosterranno nel caso in cui si dovesse arrivare a una guerra totale con Hezbollah. A svelarlo è la Cnn, che cita un alto funzionario statunitense secondo il quale rappresentanti dell’Amministrazione Biden hanno rassicurato in tal senso una delegazione di alti funzionari israeliani in visita a Washington. Parlando delle provocazioni di Hezbollah, i funzionari statunitensi hanno chiarito che l’Amministrazione Biden offrirà a Israele l’assistenza in materia di sicurezza di cui ha bisogno.
Sempre ieri è scoppiata la polemica su alcune indiscrezioni lanciate dal Telegraph circa presunte armi nascoste nell’aeroporto di Beirut. Il ministro libanese dei trasporti, Ali Hamieh, ha detto che «non c’è nulla da nascondere» all’aeroporto di Beirut e ha invitato la stampa a visitare le strutture. Secondo le fonti citate dal Telegraph la struttura sarebbe utilizzata da Hezbollah per immagazzinare armi iraniane. Hamieh ha detto che le accuse sono «ridicole» aggiungendo che il suo ufficio è pronto a intentare una causa contro il quotidiano britannico.

 

Per inviare a Libero la propria opinione, telefonare: 02/99966200, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@liberoquotidiano.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT